Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Muos, avviso di conclusioni indagini per 129 persone
Per invasione della base e scontri del 9 agosto 2013

Mai tanti attivisti, tutti insieme, si erano ritrovati sotto l'attenzione della magistratura. La Procura di Gela ha messo insieme le contestazioni per due cortei: quello di tre anni fa e quello del 25 aprile del 2014. In 34 dovranno rispondere anche di violenza e minacce a pubblico ufficiale

Salvo Catalano

A diversi anni di distanza dalla manifestazione alla base Usa di Niscemi del 9 agosto del 2013 e di quella del 25 aprile del 2014, si ritrovano indagati in 129. Mai fino ad ora gli attivisti No Muos si erano trovati in tanti, e tutti insieme, sotto l'attenzione della magistratura. La Procura di Gela ha chiuso le indagini e ha deciso di non archiviare il caso, atto preliminare alla richiesta di rinvio a giudizio per gran parte di quelli che, in quei due giorni, sono entrati nella base statunitense che ospita il sistema militare di telecomunicazioni satellitari. Si va dal più anziano, un fiorentino di 82 anni, al più giovane, 21. 

Il pubblico ministero contesta a 34 persone i reati di violenza e minaccia a pubblico ufficiale, perché, scrive, «colpivano gli operatori di pubblica sicurezza con bastoni e diverse aste di bandiera e lanciavano verso loro pezzi di legno, bottiglie di vetro e pietre». Gli altri dovranno rispondere di invasione della base, dove «l'accesso è vietato nell'interesse militare dello Stato» e rischiano o una sanzione di massimo 309 euro, o il carcere da tre mesi a un anno. Infine, dieci attivisti sono stati individuati come responsabili del taglio della recinzione con delle cesoie. 

Le due manifestazioni al centro delle indagini si svolsero regolarmente. Alcuni momenti di tensione si registrarono il 9 agosto del 2013: inizialmente la polizia provò a impedire l'accesso dei manifestanti alla base, usando anche la forza. Il giorno prima del corteo otto attivisti passarono oltre la recinzione e si arrampicarono sulle antenne, seguiti, alla fine della manifestazione, da molti altri attivisti. Il 25 aprile del 2014, invece, gli attivisti liberarono un pozzo che si trova dentro la base Usa. Un atto simbolico considerata la grave carenza d'acqua di cui soffre Niscemi. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×