Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vittoria, accusato di rapire bimba di 5 anni in spiaggia
Arrestato senza fissa dimora, si indaga sul movente

Ieri un 43enne indiano si sarebbe avvicinato in maniera amichevole, afferrando la piccola e scappando. Ma è stato fermato dal padre della piccola e dopo è stato individuato dai carabinieri. «La famiglia è stata molto rispettosa delle regole e della civile convivenza», sottolinea il comandante

Salvo Catalano

Foto di: Mapio.net

Foto di: Mapio.net

Un uomo è stato arrestato per aver tentato di rapire una bambina di cinque anni sulla spiaggia di Scoglitti, frazione di Vittoria, in pieno giorno. Ieri pomeriggio la famiglia della piccola, in compagnia di altri amici, stava lasciando la spiaggia, quando sarebbe stata avvicinata da un uomo che avrebbe salutato in maniera amichevole i presenti. Secondo quanto raccontato dai testimoni, improvvisamente ha afferrato la bambina ed è scappato. La fuga però sarbbe durata non più di 50 metri, perché sarebbe stato raggiunto e fermato dal padre della bambina. La piccola è tornata tra le braccia dei genitori, mentre l'uomo ha fatto perdere le sue tracce. 

Poco dopo però è stato individuato dai carabinieri - nel frattempo avvisati dagli altri bagnanti - ed è stato arrestato. Si tratta di Ram Lubhaya, un senza fissa dimora di 43 anni di nazionalità indiana e con precedenti per reati contro il patrimonio. I militari stanno accertando se è in possesso di un regolare permesso di soggiorno. 

I carabinieri hanno raccolto diverse testimonianze, non solo quelle dei genitori e dei famigliari presenti, ma anche di altri bagnanti che si sono resi conto di quanto succedeva a causa delle urla dei parenti della piccola. «L'uomo non ha saputo dare spiegazioni del suo gesto», spiega il capitano della compagnia di Vittoria, Daniele Plebani, che sottolinea come i genitori si siano comportati in maniera adeguata. «È una famiglia molto rispettosa delle regole e della civile convivenza che, una volta recuperata la bambina, non ha ecceduto cercando vendetta», sottolinea. 

Ram Lubhaya è stato prima condotto nella caserma di via Plebiscito e poi trasferito nel carcere di Ragusa su disposizione del pubblico ministero Giulia Bisello. Deve rispondere di sequestro di persona aggravato. Le indagini continuano per provare a capire il movente del gesto

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×