Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Niscemi, rubano cavi di rame e lasciano città a secco
Sindaco: «Compro gruppo elettrogeno, sorvegliamolo»

Il furto è avvenuto sabato scorso, ma la comunicazione al Comune è arrivata soltanto lunedì. La vicenda ha privato i residenti dell'acqua proveniente dalla sorgente di contrada Polo. La Rosa: «Azione che lascia profondamente amareggiati». Nel 2014, un altro episodio simili aveva creato parecchi disagi

Mario Cappello

Il furto di fili di rame nella sorgente comunale di contrada Polo mette in ginocchio Niscemi a causa dei disagi idrici. Nella notte di sabato ignoti hanno rubato infatti centinaia di metri di fili elettrici di rame, determinando la mancanza di energia elettrica e il conseguente blocco delle pompe di sollevamento. La comunicazione al Comune di Niscemi è avvenuta però solo lunedì, attraverso un fax inviato all’amministrazione dalla società Caltaqua, che gestisce il servizio idrico nel territorio.

La città - dopo i disagi idrici causati dalla rottura delle condutture che dall’acquedotto Blufi servono i Comuni di Niscemi, Gela e Mazzarino - perde quindi gli ulteriori dieci litri al secondo della fonte di contrada Polo. Puntualmente, per cause e condizioni diverse, la mancanza d’acqua colpisce la città, provocando profondo sconforto e difficoltà igenico-sanitarie. Già nel 2014 una rottura dell’acquedotto Blufi e il furto dei cavi di rame della sorgente Polo aveva causato simili disagi. Il sindaco di Niscemi Francesco La Rosa ha commentato così l’accaduto: «Il furto dei cavi è un’azione che mi lascia profondamente amareggiato, perché danneggia l’intera città determinando una crisi idrica in piena stagione estiva e proprio quando l’uso dell’acqua è ancora più indispensabile per il bucato e per il mantenimento dell’igiene personale». 

Il primo cittadino fa sapere che si sta cercando quanto prima di rendere funzionanti le pompe di sollevamento della sorgente di Polo con l’installazione di gruppi elettrogeni. «Qualora questo non dovesse accadere - ha assicurato La Rosa - l’amministrazione comunale si farà carico di dotare la sorgente di Polo di un gruppo elettrogeno da prendere in locazione, e da vigilare insieme alle associazioni e ai consiglieri comunali che si renderanno disponibili, fino a quando l’Enel non ripristinerà le linee elettriche».

La fonte paradossalmente si trova a meno di un chilometro in linea d’aria dalla base Muos di Niscemi, strettamente sorvegliata da numerose forze dell’ordine, nei pressi della zona in cui la settimana scorsa un attivista No Muos è stato multato per il possesso di 14 cd masterizzati

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews