Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Niscemi, 22enne partorisce in auto grazie al padre
Chiuso il punto nascite, l'ospedale più vicino a Gela

Chantal Blanco ha dato alla luce Pia Matilde all'interno dell'automobile del papà, calatosi nei panni di ostetrico «nonostante quando mi taglio rischio di svenire». Una storia al lieto fine ma dai risvolti drammatici, che sottolinea ancora di più come alcuni territori della Sicilia siano carenti di servizi essenziali

Mario Cappello

Giovane niscemese partorisce sulla Gela-Catania grazie all'aiuto del padre. Chantal Blanco, questo il nome della ventiduenne, era ormai arrivata alla fine della gestazione quando ha sentito arrivare il fatidico momento. Una storia apparentemente a lieto fine ma che cela retroscena drammatici. Per comprendere la disavventura della giovane neomamma bisogna partire da un'unica certezza: il punto nascite dell'ospedale di Niscemi è stato chiuso nel 2012 per effetto della riorganizzazione della sanità regionale, che prevedeva la soppressione dei reparti di ostetricia e delle sale parto nei centri minori, quelli in cui avvengono mediamente meno nascite.

A Chantal, già mamma, non è rimasto altro da fare che salire a bordo dell'Audi A3 del padre in compagnia del compagno e tentare la corsa verso l'ospedale Vittorio Emanuele di Gela.

La situazione però si complica immediatamente: la strada provinciale 10, la via più breve per raggiungere la città del petrolchimico, risulta ancora chiusa a causa di lavori di manutenzione che si protraggono da oltre un anno. Salvatore Blanco, padre della giovane, ha dovuto quindi percorrere un percorso più lungo attraverso una strada secondaria. Con Chantal in procinto di partorire. «La nostra è stata un'odissea evitabile - racconta -. Mia figlia era stata visitata il giorno prima da una ginecologa di Gela ma, a causa della cronica carenza di posti letto, non è stata ricoverata nonostante una dilatazione della cervice di oltre 3 centimetri e pur coscienti della mancanza del punto nascite a Niscemi».

Com'era prevedibile le condizioni durante il percorso sono precipitate. All'uomo, che di mestiere fa il fabbro, non è rimasto che accostare lungo la strada e improvvisare all'interno dell'automobile una sala parto, aiutando la figlia a partorire. «Sono stati momenti difficili – spiega – anche perché non avevo mai assistito a un parto e quando mi taglio rischio di svenire: non so davvero dove ho trovato la forza». Il parto però è riuscito senza conseguenze e Chantal è riuscita ad arrivare al pronto soccorso dell'ospedale gelese con in braccio la piccola Pia Matilde.  «Nonostante il caldo infernale ho dovuto viaggiare con i finestrini chiusi, a velocità elevata cercando di segnalare con il clacson l'emergenza agli altri automobilisti - continua l'uomo -. Sono pure passato col rosso, scommetto che mi arriverà una multa». 

Il nonno racconta l'aneddoto con un sorriso, tentando di sdrammatizzare, ma è cosciente che la storia da raccontare poteva essere tutt'altra. «Sinceramente non mi sono mai interessato delle sorti dell'ospedale niscemese, devo ammettere che se vedevo qualcuno protestare mi scappava pure un sorrisino». Il riferimento è alle manifestazioni che in questi anni hanno tentato di scongiurare la chiusura definitiva dell'intero nosocomio niscemese. «In passato - prosegue - mia moglie è incappata in un caso di malasanità: quando è nato uno dei miei figli qualcuno ha dimenticato un pezzo di garza all'interno del basso ventre e lei è stata operata otto anni dopo per la formazione di una grossa massa tumorale di circa due chili a causa della svista. Ma oggi mi rendo conto che alcuni servizi fondamentali come il punto nascite devono essere garantiti. Niscemi è stata trattata come un bacino di voti senza pensare alla reale funzionalità dei servizi». 

Intanto, Chantal e la piccola Pia Matilde stanno bene, al loro arrivo all'ospedale sono state visitate e ricoverate per controlli. Un lieto fine insomma, che meritava di essere raccontato perché lastricato di disservizi e da una visione della sanità a volte non corrispondente ai bisogni di territori difficili come Niscemi. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews