Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Tornano a lavoro dirigenti Forestale accusati di tangenti
Revocata la sospensione, arrestati insieme a Lo Bosco

Giuseppe Quattrocchi e Salvatore Marranca sono accusati di aver ricevuto mazzette per migliaia di euro in cambio dell'assegnazione di un appalto milionario all'imprenditore agrigentino Massimo Campione. Le indagini continuano ma la loro sospensione è stata revocata e possono tornare a frequentare il loro vecchio ufficio

Salvo Catalano

Nove mesi fa sono stati arrestati con l'accusa di aver ricevuto tangenti - centinaia di migliaia di euro e assunzioni di parenti - in cambio di un canale preferenziale per un importante appalto. Oggi Giuseppe Quattrocchi e Salvatore Marranca, i due dirigenti del corpo forestale della Regione Sicilia, tornano nel loro vecchio ufficio perché è stato revocato il provvedimento di sospensione. Il tutto mentre le indagini dei carabinieri continuano, essendo stato concessa dal gip una proroga fino a fine 2016.

I due alti funzionari sono finiti nelle maglie della magistratura palermitana con l'inchiesta Black List che, a ottobre del 2015, ha portato all'arresto di Dario Lo Bosco, presidente di Rfi e dell'Azienda siciliana trasporti, e di Massimo Campione, imprenditore agrigentino, che ha cominciato a collaborare con gli investigatori, facendo nomi e cognomi di politici e dirigenti che sarebbero stati nel suo libro paga. Contatti che, peraltro, Campione conservava in un libro mastro sequestrato dalla Procura. 

Quattrocchi e Marranca, secondo l'accusa, si sarebbero attivati negli uffici regionali proprio per favorire l'aggiudicazione a Campione di un appalto, del valore di 25 milioni di euro, per l'ammodernamento tecnologico e il potenziamento operativo del sistema di radiocomunicazione del Corpo forestale in Sicilia. Per questo sono accusati di concussione e induzione indebita a dare o promettere utilità. In particolare Quattrocchi avrebbe intascato 90mila euro, oltre ad aver ricevuto come regalo due apparati di climatizzazione e 12 radiatori spot, per un valore di circa cinquemila euro. La mazzetta per Marranca sarebbe stata invece più corposa, arrivando a poco meno di 150mila euro. In più, secondo l'accusa, quest'ultimo avrebbe ottenuto anche l’assunzione della compagna nell'agenzia di viaggio Mediterranea Touring srl e della figlia presso un’azienda di impiantistica di Roma, la Sintec srl.

La sospensione dei due dirigenti è venuta meno quando gli è stata attenuata la misura cautelare, passando dagli arresti domiciliari all'obbligo di firma. «La revoca della sospensione in questi casi scatta in automatico - spiega Pio Guida, dirigente dell'ufficio Procedimenti disciplinari - a meno che il dirigente generale adotti un provvedimento di sospensione facoltativa». Il funzionario sottolinea che Quattrocchi e Marranca «non tornano al loro vecchio incarico, che è ora è ricoperto da altri. Rimangono dirigenti ma senza incarico». Quanto basta per frequentare tutti i giorni il dipartimento del corpo Forestale, considerato che dalla Funzione pubblica nessuno ha pensato di destinarli momentaneamente ad altra struttura. Per sapere quali nuovi incarichi verranno assegnati ai due funzionari - e non solo a loro - bisognerà attendere l'1 luglio. Scadono infatti il 30 giugno tutti gli incarichi dirigenziali della Regione, subito dopo dovrebbero essere comunicati i ruoli della nuova pianta organica. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews