Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Birrificio Messina, finalmente arrivano i macchinari
«A luglio inauguriamo, ad agosto le prime bottiglie»

Hanno atteso a lungo per ottenere i prestiti necessari a completare la loro scommessa. Ieri i 15 lavoratori-imprenditori hanno visto i camion entrare nello stabilimento. Nei prossimi giorni si provvederà a installare tutto. E nel giro di due mesi partiranno produzione e confezionamento. Guarda le foto

Simona Arena

Un altro passo avanti è stato compiuto per vedere realizzato il sogno dei 15 lavoratori del Birrificio Messina di tornare a produrre birra. Ieri pomeriggio è arrivato il primo camion con le attrezzature che consentiranno agli ex Triscele di avviare la produzione e la commercializzazione della loro birra in riva allo Stretto. 

«Scaricheremo i macchinari, quindi servirà una gru per montare le macchine» spiega Mimmo Sorrenti, presidente del Birrificio Messina, che prova ad aggiornare il cronoprogramma degli interventi. «Ci vorranno circa trenta giorni - spiega -. Per prima cosa verrà allestita la sala cottura, subito dopo l’area confezionamento». L’arrivo dei camion è stato festeggiato dai 15 lavoratori-imprenditori che hanno scommesso tutto pur di non rinunciare alla possibilità di continuare a fare questo lavoro. «Contiamo il 20 luglio di fare l’inaugurazione dello stabilimento finalmente operativo con tutti i macchinari. Contestualmente avvieremo la prima cotta e, se tutto va per il verso giusto, a metà agosto potremo avere le prime bottiglie».

L’attesa per poter gustare la nuova birra made in Messina è tanta. E non solo in riva allo Stretto. «Ci hanno contattato dal Brasile e dall'Albania nei mesi scorsi perché volevano importare la nostra birra, ma non potevamo ancora produrla non avendo le attrezzature. Abbiamo preso tempo e ora finalmente possiamo pensare ad avviare la produzione e il confezionamento». 

I capannoni della zona Asi di Messina concessi dalla Regione erano rimasti vuoti a causa di alcuni ritardi nell’approvazione di finanziamenti bancari e regionali. Una volta sbloccato l’impasse, i macchinari già ordinati presso le ditte costruttrici hanno intrapreso il viaggio che li ha portati a Messina. Da ieri il percorso nato dal progressivo smantellamento della Birra Messina, fondata nel 1923, rilevata alla fine degli anni ’80 dalla Heineken e poi liquidata nel 2012 sotto il marchio Triscele, sembra più vicino al traguardo, con circa un anno di ritardo rispetto alle iniziali previsioni. 

Il progetto dei 15 operai imprenditori è cominciato nell'estate del 2013. Circa quattro milioni di euro il costo totale di questo sogno. Solo i macchinari sono costati un milione e 600mila euro, un altro milione e 400mila euro è stato speso per le attrezzature necessarie alla cottura del luppolo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×