Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Pantelleria, la montagna sta continuando a bruciare
Sindaco: «Azione di chi non vuole parco nazionale»

A 36 ore dall'inizio del rogo, Salvatore Gabriele interviene sui motivi che avrebbero potuto portare i piromani ad appiccare le fiamme sabato dopo il tramonto. In un momento e un punto ideale per rendere difficoltosi i soccorsi. Sull'episodio indaga la Procura di Marsala. Guarda le foto

La ferita che si è aperta sull'isola di Pantelleria tre giorni fa continua a bruciare. «Fino a ieri notte il vento stava spingendo l'incendio verso sud, in direzione del mare, ma da qualche ora un focolaio è ripartito nel Monte Gibele». A parlare è il sindaco Salvatore Gabriele, che già ieri aveva definito criminale l'atto vandalico. E a distanza di 36 ore dall'accaduto, non sembrano esserci più dubbi sul fatto che si sia trattato di un incendio doloso

La propagazione delle fiamme rende per il momento impossibile una conta dei danni definitiva, che tuttavia sono già gravissimi. Il vulcano spento è caratterizzato da una fiorente vegetazione che ricopre il territorio con una distesa verdeggiante, centinaia di ettari di terreno rinomati anche per la coltivazione delle viti da cui si producono i vini liquorosi che hanno reso famosa l'isola. Che adesso sono bruciati, mettendo in ginocchio l'economia locale. A tali danni si aggiunge il danneggiamento delle infrastrutture e la compromissione della rete di contenimento che ha reso alcune strade a rischio frana.

Mentre proseguono le indagini per ricostruire la dinamica dell'accaduto, come detto sembra già possibile confermare la matrice dolosa del rogo. Il punto di partenza dell'incendio, infatti, è stato localizzato nel cuore dei boschi, un'area naturale dove le fiamme si sono estese rapidamente e hanno causato enormi danni a una delle aree verdi più belle del Mediterraneo. «Non ci sono dubbi sul fatto che si tratti di un incendio doloso - afferma Gabriele a MeridioNews -. Dell'inchiesta si occuperà la Procura della repubblica di Marsala, ma si tratta di un attacco mirato e programmato». Un riferimento poi al fatto che il responsabile ha agito con razionalità criminale. «È significativa la scelta del luogo che è difficile da raggiungere per i soccorsi».

L'azione non avrebbe nulla a che vedere con i possibili interessi a creare situazioni d'emergenza per favorire - come spesso accaduto altrove, specialmente nella stagione estiva - l'intervento dei canadair. Proprio i velivoli specializzati nello spegnimento degli incendi sono stati ostacolati dal momento in cui le fiamme sono divampate: il tramonto. Con il calare della sera, infatti, per i canadair è difficoltoso operare in maniera efficiente. 

Una possibile ipotesi investigativa, invece, rimanda a vicende interne alle scelte dell'amministrazione comunale e all'impegno per l'istituzione di un parco nazionale. È lo stesso Gabriele a fare riferimento alla disputa, che al momento è al vaglio della Regione. «Anche la popolazione è d'accordo - sottolinea -. Capisce che è una grande occasione di sviluppo e di rilancio. Questo coinvolgimento ha fatto nascere comitati spontanei a sostegno del progetto». Ma anche nervosismo. «Probabilmente la presenza di un altro ente che gestisce le risorse del territorio e ne controlla la destinazione ha suscitato fastidi e preoccupazioni», aggiunge. La volontà è però quella di andare avanti. «Siamo pronti a rispondere con denunce aperte e precise. Non ci fermeremo», conclude il sindaco.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×