Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Dopo 21 anni tornano sulla scena i Kunsertu
«Mokarta? Era il lato B del disco, un errore»

Il gruppo messinese di world music torna a suonare per un evento di beneficenza a Messina. Live apripista del tour estivo tra Sicilia e Calabria, con brani inediti, un nuovo concept e la promessa di un altro album. A quasi trent'anni dalla serenata che li ha resi celebri, raccontata da Giacomo Farina, uno dei fondatori

Alessia Rotolo

La loro musica ha emozionato e commosso più di una generazione, lasciando un vuoto con la lunga assenza dalle scene. Ma dopo 21 anni tornano a solcare il palco, con brani inediti e la promessa di un nuovo albumi messinesi Kunsertu. Uno dei primi gruppi italiani di world music che, alla fine degli anni ’80, ha richiamato l’attenzione di pubblico e media per la sua originalità. Stasera suoneranno al Palacultura di Messina per un evento di beneficenza a favore della campagna Bambini in Alto Mare dell’associazione Ai.Bi. Amici dei Bambini. Ma questa estate sono previsti diversi concerti. «Il due luglio saremo a Milazzo, ma dobbiamo ancora definire le altre date», annuncia a MeridioNews Giacomo Farina, musicista del gruppo nonché uno dei fondatori.

La data di stasera a Messina farà così da apripista al nuovo tour. «Sarà un calendario aperto», spiega Farina, con gli appuntamenti tutti concentrati al sud, tra Sicilia e Calabria. «Vogliamo riprendere il discorso interrotto e andare avanti sulla ricerca della musica etno pop», continua il musicista. La storia della band si è sempre contraddistinta per la capacità di miscelare sonorità diverse: dalla Sicilia al Maghreb, passando per il ritmo dell'Africa nera. «Abbiamo già dei brani inediti che presenteremo durante i concerti e che saranno inseriti nel nuovo disco - anticipa - I nostri album sono sempre una sintesi delle varie stagioni che facciamo in giro, dei pezzi che vanno nascendo».

Uno dei loro brani più belli e conosciuti è Mokarta, una canzone d'amore in dialetto siciliano che ha resistito agli anni, ascoltata da genitori e figli. Ma quando il brano è stato pubblicato, il gruppo non pensava potesse avere tutto questo successo. «È una ballata, una serenata - racconta il percussionista - Per noi era solo un lato B di un disco perché ci sembrava fuori solco rispetto a quello che stavamo facendo, e invece sbagliavamo alla grande». Oggi, a quasi trent'anni di distanza da quel successo, il gruppo non ha interrotto la sperimentazione. «Nel nuovo concept c'è l'idea di traghettare il folk verso un pubblico più generalista e anche dare valore al dialetto siciliano e alle altre lingue del mediterraneo - conclude Farina - Vorremmo internazionalizzare la nostra musica, solcando i confini italiani».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×