Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Nebrodi, controlli in casolari e posti di blocco
Anche gli specialisti nella ricerca di latitanti

Le verifiche si stanno concentrando tra San Fratello e Cesarò, l'area dove il presidente del parco Giuseppe Antoci ha subito l'agguato martedì notte. Impegnati una cinquantina di carabinieri e un nucleo speciale dalla Calabria. Guarda il video

Redazione

Controlli nei boschi e nei casolari, posti di blocco. Sono una cinquantina i carabinieri di Messina impegnati nelle ricerche nell'area del parco dei Nebrodi dove il presidente Giuseppe Antoci è stato vittima dell'agguato martedì notte. 

Insieme ai militari dell'Arma ci sono anche i colleghi calabresi dello squadrone Cacciatori di Vibo Valentia, specializzati nella ricerca di latitanti in zone impervie. In particolare si stanno setacciando territori che ricadono nei Comuni di Caronia, San Fratello e Cesarò. 

Sul luogo dell'agguato a colpi di fucile, gli investigatori hanno trovato tracce di sangue, che è oggetto di analisi della polizia scientifica che deve stabilire se è di origine umana o animale. Un'ipotesi presa in considerazione dagli investigatori è che uno degli uomini che ha provato a uccidere Antoci sia stato ferito durante la sparatoria con la scorta del presidente e con il commissario di Sant'Agata di Militello. 

Proprio nel Comune dove ha sede il parco alle 18 dovrebbe avere inizio il comitato per l'ordine e la sicurezza che sarà presieduto dal ministro dell'Interno Angelino Alfano. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews