Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Licata: poliziotti davanti al Comune, arriva Alfano
Comitato abusivi: «Ci dissociamo dal vile gesto»

Sin da stamattina decine di agenti sono schierati al palazzo di città dopo il rogo che ha distrutto la casa del padre del sindaco. Intanto prende posizione il portavoce di chi si oppone alle demolizioni: «Fatti di questo tipo non aiutano alla soluzione del problema, anzi, eliminano i sottili margini di confronto»

Gioacchino Schicchi

Nel day after, Licata si è svegliata sotto assedio. Fin dalle prime ore della mattinata una cinquantina di agenti di polizia si sono schierati dinnanzi al palazzo di città dove, questa mattina alle 11.30 arriverà il ministro dell'Interno Angelino Alfano per esprimere vicinanza al sindaco Angelo CambianoL'incendio appiccato alla casa del padre ieri sera, alla fine, è stato, ma solo per una fortuita coincidenza, meno incisivo di quanto probabilmente gli autori volessero.

Il rogo, che gli inquirenti definiscono «di chiara matrice dolosa» è stato appiccato all'interno di una stanza ma si è spento in modo autonomo. Questo perché pare fossero state richiuse le porte, facendo venire meno l'ossigeno alle fiamme. Altro dettaglio oggi assolutamente chiaro è che il danneggiamento risale almeno a 24 ore prima a quando è stato dato l'allarme. A scoprirlo sono stati gli stessi proprietari dell'immobile, i quali hanno chiamato i vigili del fuoco e le forze dell'ordine avendo visto segni di effrazione e tracce di fumo.

Se il sindaco Cambiano, al momento, non ha ancora rilasciato dichiarazioni sulla vicenda, una ferma presa di posizione contro il grave gesto è stata manifestata dal Comitato per la difesa della casa e dalle associazioni che avevano osteggiato le operazioni di demolizione delle costruzioni abusive disposte dalla Procura. «Ci dissociamo da questo vile gesto perpetrato nei confronti del sindaco - dichiara a Meridionews Angelo Curella, portavoce del movimento -, perché noi la casa la vogliamo tutelare, non distruggere. Fatti di questo tipo, tra l'altro, non aiutano alla soluzione del problema degli abusivi, anzi, eliminano i già sottili margini di confronto».

Il comitato, giusto nella giornata di ieri aveva interrotto il presidio che proseguiva ormai da alcuni giorni all'interno dell'aula consiliare del consiglio comunale di Licata «perché - continua Curella - la politica ci ha abbandonato. Facciamo però un appello a tutti, affinché Licata non si trovi da sola a pagare le conseguenze di une cieca gestione del territorio».

Attraverso il proprio profilo Facebook, invece, denuncia di aver subito minacce verbali Gianluca Mantia, anche lui esponente del medesimo comitato. «Condanno aspramente il vile gesto compiuto nei confronti della seconda casa del sindaco - ha scritto -. Inoltre segnalo ora, ma lo farò domani in commissariato una Bmw Serie 1 di colore scuro i cui occupanti, nei pressi di casa mia hanno urlato al mio indirizzo: «Unnu capisti che ta stari mutu? T'affari i cazzi tuoi... vermi». Mantia, in prima linea in queste settimane di protesta, aveva partecipato domenica alla trasmissione L'Arena nella parte dedicata proprio alla vicenda delle demolizioni a Licata.  

Solidarietà arriva dall'Anci, l'associazione nazionale comuni italiani. «Non è concepibile che i neo amministratori debbano fronteggiare problemi irrisolti da decenni, addossandosi responsabilità enormi a fronte dell'inerzia delle istituzioni e senza che nessuno si preoccupi di tutelare la loro incolumità - hanno commentato Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, rispettivamente presidente e segretario generale -. Non si può chiedere ai primi cittadini di fare gli eroi ma è necessario intervenire, anche con misure straordinarie, facendo sì che il necessario rispetto delle regole sia accompagnato da adeguati interventi sul piano della sicurezza e del sostegno sociale ed economico». Ancora più duro Pasquale Amato, il collega di Palma di Montechiaro, altro Comune agrigentino alle prese con demolizioni di strutture abusive: «Si è contribuito a delineare un capro espiatorio, personalizzando una responsabilità che invece va riscontrata nella essenza della legge messa in atto dallo Stato, con la partecipazione di tutte le sue componenti e non da un unico protagonista. Dato il clamore televisivo che ha suscitato il caso demolizioni di Licata, decidono di alzare il tiro per ostentare la loro determinazione e che fanno? Bruciano la casa al sindaco Cambiano. Vedi quanto schifo».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×