Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agrigento, la sabbia invade la pista ciclabile a mare
Va smaltita come rifiuto speciale, nessuno interviene

Sdraio e ombrellone per sollevare l'attenzione su un tema che riguarda la sicurezza pubblica. A lanciare l'iniziativa è l'associazione Mareamico. «La proprietà della spiaggia - spiega l'amministrazione comunale - è del demanio. Noi metteremo delle barriere in legno, ma il problema resta». Guarda le foto

Gioacchino Schicchi

L'iniziativa è provocatoria, il problema, invece, assolutamente reale, per quanto in fase di risoluzione. Agrigento, viale delle Dune, asse centrale della zona balneare della città dei Templi. Qui, così come recita la toponomastica, il vento e le correnti creano delle alte montagne di sabbia che però, a causa del progressivo venir meno della vegetazione, con il proseguire degli anni è arrivata sul limitare della carreggiata.

A cambiare, in tutti questo tempo, è stato solo l'aspetto della strada, all'interno della quale è stata ricavata una pista ciclabile che, sprovvista di barriere di qualunque tipo, è periodicamente invasa dalla sabbia. Così, ieri mattina, l'associazione ambientalista Mareamico ha dato vita ad una provocazione, ponendo sopra una delle dune più alte due sedie in plastica e un ombrellone. «È solo un modo per portare l'attenzione su un tema molto serio, che riguarda la sicurezza pubblica - hanno spiegato -. Speriamo che questo possa consentire agli organi competenti di fare la loro parte per il ripristino della normalità anche in quella parte del territorio cittadino».

Del resto le collinette sabbia sono presenti ormai da mesi, e il Comune non ha, fino ad oggi, mai provveduto a ripristinare il tutto, nonostante le difficoltà e i pericoli con i quali erano costretti a cimentarsi ciclisti, pedoni e automobilisti. «Ci sono diversi ordini di problemi – spiega l'assessore comunale Franco Micciché -. Il primo è connesso alla proprietà della spiaggia, che è del demanio della Regione siciliana. Spetterebbe quindi a loro provvedere a ripristinare i luoghi, anche in considerazione dell'alto costo degli interventi».

Sì, perché per eliminare la sabbia finita su una carreggiata non basta semplicemente spalarla via: va trattata come rifiuto speciale. «Per risolvere la questione – continua Micciché – ci confrontiamo da almeno un anno con la Regione, e, alla fine, abbiamo deciso di farci carico degli interventi per ripristinare le condizioni di transitabilità. A questo faremo seguito con la posa di barriere in legno quantomeno per rallentare l'avanzata delle dune. Altro non possiamo fare».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×