Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agrigento, mamme regalano un parco giochi alla città
Raccolti 35mila euro, è l'unico adatto ai bimbi disabili

Prima esisteva un'area per giocare ma è stata dismessa perché pericolosa. Così 14 donne hanno avviato una raccolta fondi che, tra sponsor e sacrifici, è andata oltre le aspettative. Tanto da realizzare anche un campo di basket e sistemare quello di calcetto. «C'è tanta voglia di spendersi per una città più normale»

Gioacchino Schicchi

Il nome è forse ingeneroso: Insieme X gioco. Sì, perché dietro la determinazione di 14 mamme agrigentine, che hanno regalato alla città di Agrigento un parco giochi nuovo e aperto anche alle disabilità, c'è di certo poco di ludico e, molto, di civico. Lo spirito, comunque, è lieve. Perché, alla fine, non c'è nessuno che è più serio di un bambino che gioca.

«L'idea di metterci a raccogliere le somme è nata sei mesi fa – spiega una delle componenti dell'associazione, Cristina Zicari – semplicemente dal bisogno. In quella zona, frequentatissima sopratutto d'estate fino a pochi mesi fa esisteva un parco giochi in pessime condizioni che era stato dismesso dal Comune in seguito al ferimento di un bambino».

Così le mamme si sono rimboccate le maniche e hanno iniziato a raccogliere i fondi, grazie ad iniziative pubbliche o, semplicemente, grazie alla buona volontà di privati e sponsor. «Il risultato che siamo riusciti a realizzare - continua Zicari - è stato più bello del sogno che avevamo in mente, dato che abbiamo raccolto ben 35mila euro, somma superiore al preventivato. Fondi in più che ci hanno consentito di creare anche un campetto da basket e rimettere a nuovo il campo di calcetto comunale, da anni in disuso».

E se i contributi dei privati hanno coperto le somme per l'acquisto dei beni in sé e dei materiali (alla fine sono stati installati una cosiddetta pentaltalena, con una seduta per carrozzina, una struttura polifunzionale chiamata Oceanojungla e due giostre girevoli delle quali una adatta a bambini su sedia a rotelle, l'unica presente in città) al Comune di Agrigento è spettato garantire almeno le spese di assemblaggio e la certificazione delle strutture. L'impegno delle mamme di InsiemeXgioco, tuttavia, è stato anche molto concreto: fino alle 22 di sabato, famiglie e semplici cittadini erano tutti impegnati a verniciare, ripulire e ultimare i dettagli del parco giochi La Piccola isola dei giganti per riuscire a consegnarlo alla cittadinanza l'otto maggio, festa della mamma. «Mentre eravamo impegnati a lavorare – racconta ancora Graceffa – c'era gente di passaggio che si è messa al nostro fianco a dare una mano. Insomma, c'è tanta voglia di spendersi per una città più normale».

Qualche polemica, molto limitata, comunque si è registrata. In particolare l'accusa, rivolta all'associazione soprattutto sui social, di avere un colore politico vicino all'amministrazione in carica. «Noi ci siamo impegnate assolutamente per essere apolitiche e apartitiche - smentisce Zicari -. Certo, dobbiamo ringraziare il sindaco per la disponibilità, perché la scorsa amministrazione non ci era venuta in aiuto in nessun modo, ma la nostra attività è lontana da qualunque coloritura».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×