Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Niscemi, rapina da tremila euro all'ospedale
I carabinieri ipotizzano un basista all'interno

Un colpo giudicato anomalo. I malviventi, a volto coperto e armati di pistole, hanno tralasciato la cassa dei ticket, più consistente ma anche più esposta, per dirigersi direttamente nell'ala amministrativa

Mario Cappello

Non può essere certamente definito il colpo del secolo l’inconsueta rapina da tremila euro avvenuta qualche giorno fa all’ospedale di Niscemi. Due malviventi si sono presentati sabato negli uffici amministrativi con il volto coperto e le pistole in pugno. Dal racconto dei testimoni si tratterebbe di due giovani dal chiaro accento niscemese, agili nei movimenti, decisi a svuotare le casse dell’ospedale. 

Poche certezze al momento per gli investigatori. I rapinatori non hanno infatti puntato alla cassa dei ticket per le prestazioni, ben più consistente, collocata in un luogo più esposto e frequentato, preferendo uno sportello secondario: l'economato. In pochi erano a conoscenza della presenza del denaro contante, conservato nell'ufficio utilizzato dall’azienda per gli acquisti urgenti e indifferibili. I carabinieri stanno cercando di capire se la soffiata sia partita da qualche dipendente o se, ipotesi azzardata ma che comincerebbe a farsi strada, i malviventi abbiano potuto contare su un basista all'interno della struttura. 

I rapinatori infatti hanno fatto irruzione a colpo sicuro, in un orario in cui gli uffici sono deserti, presentandosi al cospetto del dipendente addetto all’ufficio e minacciando di sparare se si fosse rifiutato di consegnare il contante. Gli investigatori ipotizzano inoltre che le pistole utilizzate fossero armi giocattolo, prive del prescritto tappo rosso. Ovviamente i dipendenti hanno preferito non rischiare, consegnando ai malviventi la modica cifra di tremila euro. Intascato il denaro, i due, secondo il racconto dei presenti, sarebbero scappati a bordo di un motorino.

L’ospedale sorge a pochi metri dalla locale caserma di carabinieri, ma quando i militari sono intervenuti a seguito di una segnalazione, non hanno potuto fare altro che constatare l'accaduto, raccogliendo le testimonianze dei dipendenti sotto shock. La struttura infatti è priva del sistema di videosorveglianza ma l’Asp nissena, dopo il furto, si è affrettata ad annunciare l'intenzione di realizzare un impianto di telecamere per evitare in futuro casi analoghi. Gli investigatori intanto stanno passando al setaccio anche i sistemi di sorveglianza privati che potrebbero aver ripreso i giovani. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews