Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Santa Elisabetta, scritta intimidatoria contro il sindaco
Gueli: «La quarta volta, effetto del lavorare in frontiera»

«Chi parla.. bum bum.. sisi sindaco». È questo il testo del messaggio scritto su uno spazio elettorale del paese agrigentino, più volte interessato da vicino dal fenomeno mafioso. Gli inquirenti in queste ore stanno valutando la fondatezza del gesto. Di recente era stato inviato al Viminale il report Amministratori sotto tiro

Gioacchino Schicchi

«Chi parla.. bum bum.. sisi sindaco» e poi il disegno di una pistola fumante. Il tratto - e la grammatica- sono infantili, ma il messaggio chiarissimo. Così ignoti hanno intimidito Domenico Gueli, sindaco di Santa Elisabetta, comune dell'agrigentino dal passato caldissimo in tema di mafia. La scritta, realizzata con una bomboletta nera su uno spazio elettorale in piazza San Carlo, nel centro del paese, è stata individuata e segnalata al primo cittadino, il quale ha presentato denuncia ai carabinieri. I militari stanno adesso vagliando tutte le possibilità, dalla bravata al vero atto intimidatorio.

Del resto la situazione a Santa Elisabetta è da tempo delicata. «Si tratta del quarto gesto intimidatorio o vandalico in due anni, ovvero dal giorno della mia elezione - spiega il primo cittadino a MeridioNews -. Quindici giorni fa è stato danneggiato il Comune, per quanto i carabinieri pare abbiano ricollegato l'atto ad altre vicende». Gueli spiega di non aver comunque idea della possibile genesi del gesto, pur ammettendo le difficoltà dell'attività giornaliera di sindaco. «Ogni giorno - continua - ci confrontiamo un po' tutti con le criticità che nascono dal lavorare in frontiera, come siamo noi tutti, amministratori dell'emergenza. Sono sereno rispetto al mio operato, anche se è evidente che fatti di questo tipo lasciano l'amaro in bocca».

Il primo cittadino aggiunge poi di essere stato già contattato dal prefetto di Agrigento Nicola Diomede il quale, nei mesi scorsi, aveva convocato i sindaci della provincia nell'ambito di alcuni incontri dedicati alla sicurezza dei primi cittadini. Al termine dei lavori era stato realizzato un report chiamato Amministratori sotto tiro, che era stato inviato al ministro dell'Interno Angelino Alfano.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×