Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Licata: stop barricate, abbattute le case abusive
Procura: «Spinte esterne per fomentare disordini»

Ieri i residenti avevano schierato anche i bambini in difesa delle loro abitazioni. Stamattina la situazione si è improvvisamente sbloccata. In tre casi sono stati gli stessi privati a farsi carico delle operazioni. «Probabilmente - spiega il procuratore Di Natale - si sono resi conto che non c'è possibilità di sanatoria»

Gioacchino Schicchi

Foto di: Gioacchino Schicchi

Foto di: Gioacchino Schicchi

Questa mattina all'alba nessuno credeva ai propri occhi. Nell'area che fino a ieri era stata scenario di guerra, con gli abusivi che erano riusciti a tenere sotto scacco le forze dell'ordine e, soprattutto, le ruspe che avrebbero dovuto avviare le demolizioni di 15 case costruite su aree demaniali ad inedificabilità assoluta, erano infatti iniziati gli abbattimenti.

A farsi carico delle operazioni sono stati, in tre casi, gli stessi privati, mentre nel caso di una struttura incompleta sta procedendo direttamente il Comune di Licata. Un cambiamento di fronte improvviso e, oggettivamente, difficilmente spiegabile, se consideriamo che ieri non si era esitato persino a schierare dei bambini a difesa delle case da abbattere.

Per il procuratore della Repubblica di Agrigento, Renato Di Natale, la decisione autonoma degli abusivi sarebbe da cercare in una improvvisa coscienza civica. «Probabilmente - spiega all'agenzia Ansa - si sono resi conto che lo Stato, attraverso i suoi organi, non consentiva alcuna forma di cessione in favore delle illegittime pretese formulate. Non ci sono possibilità di sanatoria, anzi ci sono sentenze passate in giudicato». Il procuratore, inoltre, torna sul tema della potenziale partecipazione alle proteste di interessi esterni.

«È probabile che le spinte esterne che ci sono state per fomentare i disordini – spiega ancora Di Natale – si siano placate perché appunto è stato capito che non c’erano spazi. Ha inciso, naturalmente, la fermezza del questore e delle forze dell’ordine. E tutti hanno, dunque capito, che era inutile questo tipo di resistenza che piuttosto avrebbe portato altri danni, ossia a inchieste, denunce e arresti, oltre alla demolizione delle case».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×