Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Girgenti Acque, sequestrati due depuratori a Siculiana
Scaricavano a mare liquami non adeguatamente filtrati

Sale a nove il numero di impianti, gestiti dalla società dell'imprenditore Marco Campione, ai quali la Procura di Agrigento ha deciso di porre i sigilli. Nel caso del Comune rivierasco la misura comprende anche il pennello a mare. Per superare lo stallo, in programma la messa in rete delle strutture

Gioacchino Schicchi

Nuovo sequestro di depuratori a carico di Girgenti Acque. Ieri gli uomini della capitaneria di porto di Porto Empedocle, su disposizione della Procura della Repubblica di Agrigento, hanno posto i sigilli a due impianti e al cosiddetto pennello a mare di Siculiana, comune rivierasco. Il provvedimento, come i precedenti emessi negli ultimi tre mesi in diversi centri della provincia, arriva in considerazione dell'inadeguatezza delle infrastrutture.

La situazione di Siculiana è particolare: nonostante siano due i depuratori, non si riesce comunque a garantire un buono filtraggio dei liquami, che finiscono per riversarsi nei valloni e, successivamente, nel mare senza essere ripuliti dalla loro carica inquinante. Ad accompagnare i sequestri preventivi, come nei precedenti casi, una serie di interventi da fare per l'adeguamento dei depuratori, che in realtà sarebbero già stati progettati, e attenderebbero il completamento dell'iter burocratico. I due impianti, secondo i programmi, dovrebbero entrare in rete attraverso un tubo a pressione facendo sì che i reflui provenienti dalla città arrivino prima a Pietre cadute e successivamente a Canne, per finire in mare depurati. 

A volere chiarimenti sul destino dell'ex depuratore Esa, comunque, era stata già nel 2015 l'amministrazione comunale attraverso il sindaco di Siculiana, Leonardo Lauricella. Con questi nuovi provvedimento, sale a nove il numero complessivo dei depuratori sequestrati alla società dell'imprenditore Marco Campione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×