Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Porto Empedocle, Pd spaccato sul candidato sindaco
«Primarie sono falsarie». Ex Pdl unico a presentarsi

Nel paese agrigentino è battaglia tra i Dem in vista delle elezioni. Annullato il tesseramento e commissariato il circolo, i rappresentanti locali non ci stanno: hanno disertato le consultazioni e accusano il deputato Panepinto di «inventarsi problemi inesistenti» in favore dell'uomo con un passato tra i berlusconiani

Gioacchino Schicchi

Foto di: Pd

Foto di: Pd

La vicenda è tutta locale, ma la sua eco rischia di essere ampia e imbarazzante. Da un lato un candidato sindaco dal passato politico molto poco di sinistra, dall'altro un circolo cittadino del Partito Democratico che si scaglia contro lo strumento di partecipazione più noto dei Dem: le primarie. Siamo a Porto Empedocle, comune rivierasco dell'Agrigentino, città che diede i natali allo scrittore Andrea Camilleri e che, nel suo corso principale, ospita la statua in bronzo del commissario Montalbano. Oggetto del contendere, l'individuazione del candidato sindaco che dovrà concorrere alle prossime amministrative di giugno, per andare a guidare, se eletto, un Comune a un passo dal dissesto finanziario. 

I primi scontri, quasi fisici, erano iniziati un mese fa circa: da un lato i sostenitori dell'ex sindaco Orazio Guarraci, a lungo prima tra le fila del Pdl e poi di Grande Sud e solo da un paio di anni approdato tra i democratici, e dall'altro i sostenitori di Pippo Sinesio, attualmente presidente del Pd provinciale, appoggiato tra gli altri dal segretario del partito Empedoclino, Maurizio Restivo. Uno scontro tanto teso che la segreteria provinciale ha deciso di chiedere l'intervento del Regionale, con il segretario Fausto Raciti che ha disposto - anche in seguito all'annullamento del tesseramento per anomalie rilevate dalla commissione provinciale di garanzia - di nominare un commissario straordinario.

Secondo passo verso la riappacificazione, si è sostenuto, la convocazione delle primarie per consentire di scegliere un candidato del partito a fronte di due proposte sul campo. Apriti cielo. L'unico nome presentato è stato infatti quello di Guarraci, mentre dal fronte sinesiano è stato prodotto un documento-esposto di fuoco che denuncia come sia in corso, a loro parere, una «Panipintizzazione del partito». Colpevole di aver messo in atto «azioni scellerate per commissariare il partito», finalizzate a far fuori la candidatura di Sinesio, sarebbe stato infatti il deputato regionale Pd Giovanni Panepinto, insieme al segretario provinciale, il faraoniano Peppe Zambito, che, dice nella propria lettera l'ormai ex segretario del Pd empedoclino Restivo, «ha proposto all'onorevole Raciti di commissariare il circolo di Porto Empedocle, in assenza di una legittima e valida motivazione, inventandosi inesistenti problematiche, pur di compiacere l'onorevole Panepinto ed il sodale Guarraci».

Colpevole sarebbe, ovviamente, anche Raciti, perché invece di «esercitare il suo ruolo di imparziale segretario di tutti, ha preferito essere unicamente il segretario dell'onorevole Panepinto e dei suoi amici e violando le norme dello statuto ha illegittimamente ed illecitamente commissariato il circolo di cui sono il segretario democraticamente eletto». Allo stesso modo sarebbe, secondo Restivo, «fraudolento» l'annullamento del tesseramento e, quindi, alla fine, le primarie vanno ribattezzate «falsari alle quali la fronda di Sinesio non ha partecipato perché «tutto è illegittimo ed illecito».

La replica di Panepinto è tra il serio e il faceto. «Rispetto alle dichiarazioni di Restivo non ho nulla da dichiarare, dato che tra l'altro mi attribuiscono una potenza che non ho. In realtà - aggiunge ironicamente - sono solo un deputato di campagna. Ammetto comunque di essere preoccupato per questa uscita paradossale. Spero solamente che si riesca ad ottenere una riconversione su un'idea: quella che le primarie sono l'unico strumento democratico per scegliere i candidati».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×