Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Muos, obbligo di firma a Gela per Turi Vaccaro
Ma per lui ci sarebbe anche il divieto di dimora

Il pacifista è stato liberato ieri, dopo essere stato arrestato il 9 marzo a Niscemi. La notizia della coesistenza dei due provvedimenti non trova conferma nelle autorità. Mentre l'avvocato che lo ha seguito dichiara: «Anche con me ha fatto lo sciopero della parola». Un attivista: «In carcere ha scritto molto»

Simone Olivelli

Foto di: Fabio D'Alessandro

Foto di: Fabio D'Alessandro

Con l'obbligo di firma a Gela, ma anche il divieto di dimorarvi. È questo lo scenario che potrebbe presentarsi davanti a Turi Vaccaro, il pacifista che ieri è stato scarcerato dal Tribunale nisseno dopo l'arresto del 9 marzo, avvenuto all'esterno della base militare americana di Niscemi. Quel giorno, Vaccaro non avrebbe potuto manifestare contro il Muos, a causa di un provvedimento giudiziario che gli impediva di stare all'interno della provincia di Caltanissetta. 

La notizia è trapelata poco dopo l'uscita dal carcere. Sarebbe stato lo stesso Vaccaro a confidare a un altro attivista la misura a proprio carico. L'ipotesi di una coesistenza dei due provvedimenti, al momento, non trova conferma nelle autorità né in Davide Limoncello, l'avvocato che lo ha seguito in questa vicenda: «Non ero a conoscenza del divieto di dimora - dichiara il legale a MeridioNews -. Purtroppo non è stato facile lavorare per Vaccaro, poiché si è rifiutato di collaborare, trincerandosi dietro lo sciopero della parola. In tali condizioni è stato già un successo ottenere la sua scarcerazione. Del resto lui dovrebbe sapere il luogo in cui dovrà recarsi per firmare».

A descrivere i momenti che hanno seguito la scarcerazione è uno degli attivisti: «La polizia penitenziaria gli aveva aperto le porte della cella e tanti saluti - racconta -. Così l'ho trovato a camminare, a piedi scalzi e con un mazzo di fiori raccolto chissà dove. Insieme siamo andati dai carabinieri. Fino a luglio, data dal processo, Turi ha l'obbligo di firma a Gela. I militari - continua - non hanno saputo darci certezze sulla decadenza del foglio di via per l'intera provincia di Caltanissetta». 

Durante la permanenza in carcere, il pacifista sarebbe dimagrito: «Mi ha detto che ha perso cinque chili ma era di buon umore. Ha avuto qualche seccatura ma più che altro per colpa della burocrazia. Per il resto - aggiunge l'attivista - ha mangiato frutta e poco più, scritto molto e parlato con un'educatrice di teologia della liberazione». Intanto Vaccaro, a differenza di quanto ipotizzato in un primo momento, non si è diretto a Comiso presso la pagoda della Pace, che già in passato lo aveva ospitato. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×