Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

No Muos, scarcerato il pacifista Turi Vaccaro
Era stato arrestato il giorno delle misurazioni

Il Tribunale di Gela ha rimesso in libertà l'attivista che era stato fermato il 9 marzo, per non aver rispettato il divieto di dimora. Già a novembre, si era reso protagonista di una plateale protesta, riuscendo a issarsi in cima a una delle tre parabole della base militare americana di Niscemi

Simone Olivelli

«Turi è di nuovo in libertà». Ad annunciare la scarcerazione di Turi Vaccaro - il pacifista che era stato incarcerato nelle settimane scorse, nel corso di una manifestazione contro il Muos - sono gli attivisti che si battono contro l'impianto satellitare americano a Niscemi. Un post su Facebook per dare una notizia attesa da molti. 

Vaccaro era stato arrestato il 9 marzo, mentre si trovava all'esterno della base militare di contrada Ulmo. Nel giorno in cui le tre parabole sono state accese per consentire la misurazione delle emissioni elettromagnetiche, nell'ambito delle verifiche disposte dal Consiglio di giustizia amministrativa che dovrà pronunciarsi sulla presunta abusività del sito, Vaccaro non aveva voluto far mancare la propria presenza nonostante il divieto di dimora a suo carico.

Proprio per questo motivo, il pacifista era stato fermato. Mentre veniva caricato sulla volante della polizia, l'attivista con un calcio ruppe il finestrino dell'auto e l'episodio gli valse l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. Già a novembre, Vaccaro era riuscito a entrare nella base, fino a issarsi su una delle parabole. Lassù, rimase circa ventiquattro ore: martellando ininterrottamente quella che ha sempre ritenuto uno strumento di morte e causando - secondo gli Stati Uniti un danno di circa 800mila dollari. Adesso, secondo le prime indiscrezioni, Vaccaro potrebbe recarsi alla pagoda della pace di Comiso, ospite dell'amico Gyosho Morishita.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews