Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

No Muos, Tribunale condanna cinque attivisti
Avevano sparato piccoli razzetti per protesta

La giudice per le indagini preliminari, Veronica Vaccaro, ha deciso che dovranno pagare 1250 euro ciascuno. A gennaio 2015 erano stati denunciati per «esplosioni pericolose», dopo aver fatto esplodere piccoli petardi per manifestare contro il lancio del satellite utile al funzionamento delle parabole di contrada Ulmo 

Redazione

Dovranno pagare 1250 euro ciascuno. È questa la pena inflitta dal Tribunale di Gela, che ha emesso un decreto penale di condanna a carico di cinque attivisti No Muos, che a gennaio dell'anno scorso avevano inscenato una protesta simbolica contro il lancio del satellite, utile al funzionamento dell'impianto satellitare di Niscemi. L'azione si era svolta davanti alla base statunitense di contrada Ulmo, dove i cinque avevano lanciato dei piccoli razzetti. Simili a quelli utilizzati in occasione delle festività di capodanno. Materiale ritenuto innocuo, ma che era valsa loro una denuncia per esplosioni pericolose e lancio pericoloso di oggetti. La condanna per i manifestanti è stata decisa dalla giudice per le indagini preliminari Veronica Vaccaro, che ha accolto la richiesta dei pm.

Un anno fa l'iniziativa legale sarebbe partita dagli stessi militari americani, che avrebbero inviato le registrazioni del sistema di videosorveglianza alla polizia italiana. Tale circostanza aveva dato il la ad alcune polemiche, per il il fatto che gli agenti non si sarebbero premurati «di andare a riscontrare i fatti denunciati», limitandosi a recepire la documentazione video inviata dalla base.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×