Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Garanzia Giovani, Regione chiede aiuto a Roma
Miccichè: «Stage non sono ammortizzatori sociali»

L'assessore regionale al Lavoro ha parlato dei passi avanti nel recupero dei soldi per pagare i tirocini già attivi: «Adesso mancano solo 25 milioni». E se la prende con gli imprenditori che non assumono: «Interessati soltanto ad avere il dipendente pagato dallo Stato»

Simone Olivelli

«I tirocini non devono trasformarsi in ammortizzatori sociali». A lanciare l'avvertimento è l'assessore regionali alle Politiche sociali e del lavoro, Gianluca Miccichè, oggi a Catania per presentare la partnership tra il programma Garanzia Giovani e la Pubbliservizi, la partecipata della città metropolitana di Catania. Ritenuta «isola felice», capace di assicurare un tasso di riassunzione dei tirocinanti ben al di sopra delle medie regionali e nazionali: «Pubbliservizi ha riassunzioni vicine al 50 per cento, cifre più elevate rispetto alla Lombardia - ha commentato Miccichè -. La nuova programmazione europea dovrà partire innanzitutto dal monitoraggio dei risultati ottenuti, partendo dai casi virtuosi. Non si può più ragionare facendo bandi con il solo fine di spendere i soldi, bisogna fare azioni mirate». 

L'assessore ha poi parlato delle iniziative per recuperare le somme necessarie a pagare i tirocini già attivati, nonostante i fondi previsti dalla comunità europea non fossero sufficiente a garantire la copertura economica. «Innanzitutto aggiorniamo un dato - specifica Miccichè -. Non sono più 41 milioni di euro, ma 25. Sedici li abbiamo ricavati dalle economie della vecchia programmazione». Per i restanti si punta a un aiuto dal ministero, nell'ambito della gestione delle risorse rimaste alle singole regioni: «Il programma di finanziamento è unico per tutta Italia - ricorda Miccichè - e per questo stiamo valutando con il governo la possibilità di riuscire a coprire queste risorse con le economie provenienti dagli altri territori».

A criticare il programma di incentivi per il reinserimento nel mondo del lavoro dei Neet - under 35 disoccupati e non inseriti in un percorso di formazione - sono stati, però, anche gli imprenditori. MeridioNews ha raccontato la storia di uno di loro, che avrebbe voluto assumere una tirocinante, salvo sentirsi dire che i relativi fondi agevolativi erano finiti. «Gli incentivi non sono finiti, rientrano nella fase due del programma - replica l'assessore - e vi si potrà accedere con il bando che pubblicheremo a breve. Tempi? Pensiamo che già dopo Pasqua di poter essere operativi». 

Miccichè ha poi ribadito che gli stage non vanno intesi come ammortizzatori sociali: «Mi capita di incontrare imprenditori che mi chiedono quando facciamo nuovi tirocini - rivela - ma non per prendere altri giovani quanto per prorogare i tirocini già attivi. In questi casi, ci troviamo davanti a imprenditori che non sono interessati a investire sulla risorsa umana, ma solo ad avere il dipendente pagato dallo Stato. Questa visione - conclude - ha fatto nascere trent'anni fa il precariato. Non possiamo ripetere gli stessi errori». 

Nel frattempo, sulla formazione regionale e sui possibili riflessi per l'occupazione giovanile a pronunciarsi è stato il Tar, che ha accolto il ricorso presentato da Isem, l'associazione istituto per la promozione e formazione professionale e per lo sviluppo siciliano, contro la gestione da parte della Regione dell'avviso 3 del Piano Giovani. Il Tribunale amministrativo ha fissato per l'8 giugno l'udienza, che potrebbe portare all'ennesima sospensione dei meccanismi utilizzati per distribuire le risorse a favore dell'occupazione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews