Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gela, continua l'agonia dei lavoratori dell'indotto
«Ogni due mesi ritorniamo con l'acqua alla gola»

Cantieri che non partono, ammortizzatori sociali promessi e non ufficializzati. E ad aprile torna l'emergenza. Per i 147 dipendenti della Smim impianti, storica ditta dell'indotto gelese, è una crisi senza fine. I sindacati la Regione di lassismo

Andrea Turco

Una lenta, costante ed estenuante agonia. In attesa di un lavoro che è sempre più un miraggio. I 147 dipendenti della Smim impianti, storica ditta dell'indotto gelese, ormai non sanno più a chi rivolgersi. Attendono i soldi della cassa integrazione in deroga da dicembre. E alcuni hanno altre mensilità arretrate. Questa mattina una delegazione in cerca di spiegazioni si è ritrovata prima presso la sede della Cgil e poi al Comune. Dove hanno incontrato il segretario generale Caltanissetta, Ignazio Giudice. «È stato sbloccato il pagamento Inps del mese di dicembre - ha rassicurato il sindacalista -. Tempi burocratici permettendo, i soldi dovrebbero arrivare il prossimo mercoledì. Ciò per la Cgil non basta, bisogna andare oltre e ottenere l'incontro alla Regione che da una settimana si è chiusa in un silenzio inusuale che arreca danno ai lavoratori ed alla città». 

Di buco in buco, di rinvio in rinvio, i metalmeccanici della Smim si dicono stanchi e sfiduciati. Specie perchè i tre mesi di ammortizzatori sociali ottenuti al tavolo romano dello scorso 27 gennaio non sono stati ancora ufficializzati dalla Regione siciliana con un apposito decreto. Nonostante il governo nazionale abbia indicato lo scorso febbraio la disponibilità del governo Crocetta di 75 milioni di euro per la cassa integrazione in deroga. «Di quei soldi – dice ancora Giudice – solo una parte finora è stata utilizzata, esclusivamente per gli ex lavoratori di Termini Imerese». E se anche in questi giorni la Regione dovesse provvedere a sbloccare questi ulteriori pagamenti, alla fine del mese l'emergenza tornerà tale. «Siamo scoperti da mesi, senza stipendio e senza ammortizzatori sociali - conferma Lirio Sammartino, tra gli operai in lotta -. Il primo aprile saremo di nuovo punto e daccapo, altro che pesce d'aprile. Ogni due, tre mesi ritorniamo con l'acqua alla gola». 

Nei mesi scorsi la Smim impianti si era aggiudicata l'appalto per lo smantellamento del dissalatore, un cantiere che nelle previsioni avrebbe dovuto dare una boccata d'ossigeno ad una trentina di metalmeccanici. Anche su questo fronte finora le promesse non sono state mantenute e i lavori non sono partiti. Così nei giorni scorsi i dirigenti della ditta hanno richiesto l'avvio della mobilità per gli operai di Gela, una proposta respinta dai sindacati. Proprio ieri in una nota congiunta i confederali denunciavano il silenzio del governo regionale e si appellavano alle compensazioni previste dal protocollo d'intesa un anno e mezzo fa e mai partite. «Cigl, Cisl e Uil intendono evidenziare il lassismo – scrivono i confederali – che sta caratterizzando l'uso dei 32 milioni dell'Eni riferiti alle compensazioni e questo aspetto riguarda anche il Comune, titolare insieme alla Regione del destino dei 32 milioni».  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews