Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Tra i forestali 22 condannati per associazione mafiosa
Crocetta: «Licenziati, finiti tempi del pietismo buonista»

La Regione siciliana per la prima volta ha controllato i casellari giudiziari e i carichi pendenti dei 25mila addetti, scoprendo migliaia di casi di incompatibilità: 66 sono stati esclusi dalle liste. Il risparmio stimato è di 25 milioni di euro, che potrebbero essere desinati al reddito di cittadinanza

Miriam Di Peri

Foto di: Rosario Crocetta Pagina Fb

Foto di: Rosario Crocetta Pagina Fb

La lista è ancora lunga. Lo ha assicurato il governatore Rosario Crocetta, comunicando il provvedimento di esclusione dalle liste dei forestali di 66 addetti risultati incompatibili con incarichi nella pubblica amministrazione. Tra questi ci sono 22 condannati per associazione mafiosa, e altri 42 per reati gravi. «Un caso che mi ha fatto rabbrividire - ha detto Crocetta - riguarda un soggetto che aveva riportato condanne per spaccio di stupefacenti, tratta di schiavi, riduzione in schiavitù, violenza e stupro nei confronti di soggetti minori di 14 anni. Chi non può lavorare nella pubblica amministrazione per sentenza perché mafiosi o interdetti dai pubblici uffici, non deve lavorare».

Dal monitoraggio condotto dalla Regione siciliana, che ha controllato i casellari giudiziari e i carichi pendenti dei circa 25mila addetti alla forestale, è emerso che sarebbero oltre tremila quelli incompatibili con incarichi nella pubblica amministrazione. La fuoriuscita di questo personale dal comparto, secondo prime proiezioni, comporterebbe un risparmio per la Regione di circa 25 milioni di euro, che il governo Crocetta intende destinare a un fondo per finanziare misure a sostegno del reddito di cittadinanza.

Il provvedimento, secondo quanto riferito dal governatore, sarebbe già operativo e comunicato agli uffici provinciali di competenza (Caltanissetta, Catania, Enna, Palermo, Agrigento, Messina, Siracusa e Trapani). «Entro 48 ore - ha precisato il numero uno di palazzo d’Orleans - gli uffici devono predisporre i provvedimenti, in caso contrario si sostituiranno i vertici della amministrazione regionale. Per chi (tra i dirigenti) non ottempera all'adozione dei provvedimenti non è escluso il licenziamento. I tempi del pietismo buonista sono finiti. Per avere questi elenchi ho impiegato un anno e mezzo e per tracciare questo provvedimento ci sono voluti due mesi. Ho cominciato però a dare tempi precisi alla pubblica amministrazione».

I 25 milioni che l’amministrazione regionale stima di recuperare da questa operazione, come detto, serviranno all’istituzione di un fondo per il reddito di cittadinanza. «Mi sono assunto direttamente la responsabilità politica e decisionale dei provvedimenti - ha sottolineato il governatore - lo faccio a garanzia dei dirigenti. Li autorizzo a escludere queste 66 persone dagli elenchi, perché facciamo un'azione culturale importante. Sono 66 di fronte a centinaia di casi ma è un segnale. Non ci sono mamma santissima incrollabili, ma chiunque è sottoposto alla legge».

«Si tratta di una decisione grave - ha concluso - che farà arrabbiare qualcuno ma non abbiamo scelta. Serve una bonifica storica. Quando scade il mio mandato voglio avere l'orgoglio di aver bonificato la regione da una serie di soggetti e questa verifica non guarderà in faccia nessuno, dovrà arrivare a ogni livello».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews