Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Le mamme No Muos domani incontrano la prefetta
«Noi cavie da sacrificare sull'altare delle guerre»

Mercoledì è prevista l'accensione delle parabole della base Usa di Niscemi. Ma le attiviste hanno scritto una lettera alla massima rappresentante dello Stato sul territorio chiedendo di fermare le operazioni. La Prefettura sarebbe rimasta sopresa da una notizia di cui non era stata formalmente informata

Salvo Catalano

«La scienza utilizza termini come “cavie” o “animali da laboratorio” per indicare gli ignari animali, spesso considerati sacrificabili. Non vorremmo che lo stesso amaro destino toccasse a noi. Cavie e nient’altro. Sacrificate sull’altare delle guerre». Le mamme No Muos non usano giri di parole per rivolgersi alla prefetta di Caltanissetta, Maria Teresa Cucinotta, a cui chiedono di fermare l'accensione del Muos, prevista per mercoledì. Lo ha chiesto, per la seconda volta, il Consiglio di giustizia amministrativa per permettere al collegio dei verificatori di effettuare le misurazioni dei campi elettromagnetici con tutti gli impianti della base militare funzionanti alla massima potenza: sia le tre parabole dell'impianto satellitare degli Usa, sia le 46 antenne presenti a Niscemi dagli anni 90. Una situazione mai verificata prima di adesso. 

La richiesta del Cga, in realtà, era già stata fatta a gennaio e quando tutto sembrava pronto, a 24 ore dal via ai test, proprio la Prefettura ha bloccato le verifiche, perché nessuno degli enti coinvolti - Asp, Arpa, vigili del fuoco e amministrazione comunale - sapeva quali fossero le misure precauzionali da prendere per garantire la sicurezza della popolazione. Ed è proprio su questo punto che insistono le mamme di Caltagirone. «Ci chiediamo adesso cosa possa essere cambiato rispetto a un mese fa - scrivono nella lettera - quando il suo ufficio aveva bloccato lo svolgimento delle precedenti verificazioni perché rimanevano ignoti gli effetti dell’accensione dell’impianto sulla popolazione, a ben vedere attuando il principio di precauzione a cui ora nuovamente e fortemente ci appelliamo».

Richiamando «il diritto alla vita e alla serenità», chiedono alla massima istituzione sul territorio di «adempiere a un dovere che tanto assomiglia a quello che ogni mamma attua per proteggere i propri figli a costo della vita stessa». Scendono quindi nel dettaglio, ricordando che già in passato le misurazioni dell'Arpa avevano registrato un superamento dei limiti - sei volt per metro - consentiti dalla legge italiana per l'emissione di onde elettromagnetiche. «Sarebbe da ingenui credere che si tratti di dati riferibili all’impianto a pieno regime, misurazioni che si riferivano a periodi in cui il Muos era ancora in costruzione o bloccato dalla magistratura penale. Sarebbe sconcertante scoprire ora che un tribunale, per quanto autorevole, possa autorizzare la violazione di una legge e se questa violazione si riferisse a una norma posta a tutela della salute pubblica saremmo di fronte a un fatto gravissimo». 

La prefettura ha risposto positivamente alla richiesta di incontro da parte delle mamme e avrebbe manifestato anche una certa sopresa rispetto ai nuovi test disposti dal Cga, di cui il rappresentante dello Stato sul territorio non sarebbe stato ufficialmente informato. Il faccia a faccia dovrebbe avvenire domani.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×