Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Montante, documenti e armi in una stanza segreta
Il Tribunale dice no al dissequestro del materiale

Il presidente di Confindustria Sicilia è indagato per concorso esterno alla mafia. Qualche settimana fa gli investigatori hanno perquisito casa e uffici dell'imprenditore, trovando una grande mole di carte nascoste. Oggi il Riesame ha rigettato la richiesta degli avvocati

Redazione

Sarebbe materiale prezioso quello trovato dagli investigatori che, su ordine della Procura di Caltanissetta, a gennaio hanno perquisito l'abitazione e gli uffici di Antonello Montante, presidente di Confindustria Sicilia e vicepresidente nazionale, indagato per concorso esterno all'associazione mafiosa. Ci sarebbero numerosi documenti riguardanti politici, magistrati ed esponenti delle forze dell'ordine, e materiale informatico. Inoltre sono state rinvenute anche alcune armi, che i legali dell'imprenditore hanno precisato essere «pezzi da collezione, regolarmente detenuti con le relative autorizzazioni». Il tutto si trovava in una stanza segreta nella casa di Montante a Serradifalco

Gli avvocati del presidente degli industriali - Nino Caleca, Giuseppe Panepinto e Marcello Montalbano - avevano chiesto il dissequestro del materiale, ma oggi il Tribunale del Riesame di Caltanissetta ha dichiarato inammissibile la richiesta. Per comprendere le motivazioni della decisione, che sarebbe legata a problemi di carattere procedurale, bisognerà attendere il deposito del provvedimento. 

«Il Riesame - hanno commentato i legali - senza entrare nel merito, ha adottato una decisione di natura processuale. Seguiremo con scrupolo le indicazioni procedurali che il Tribunale indicherà nelle motivazioni. Abbiamo impugnato l'unico atto che fino a questo momento la Procura ha ritenuto di notificarci. Abbiamo avuto modo di esaminare le carte processuali depositate e impugneremo gli ulteriori provvedimenti, poiché siamo certi che non sussiste neanche il più recondito fumus che possa offuscare l'attività di Antonello Montante e di Confindustria».

All'imprenditore vengono contestati i rapporti con Vincenzo Arnone, testimone di nozze di Montante, ma anche boss di Serradifalco, figlio di Paolino Arnone, storico padrino, morto suicida nel carcere di Caltanissetta nel 1992. A parlare delle relazioni pericolose del presidente di Confindustria è stato anche il pentito Salvatore Di Francesco, mafioso di Serradifalco, paese d'origine di Montante. Di Francesco, ex dipendente dell'Asi, l'area di sviluppo industriale, si sarebbe occupato della gestione degli appalti per conto di Cosa Nostra.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×