Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Urban Farm, il modello Favara si espande in Sicilia
«Senza colonizzare, ogni territorio ha sua soluzione»

Dal centro agrigentino al resto della Sicilia. L'esperienza lanciata dal notaio Andrea Bartoli prova, attraverso incontri nelle varie province, a intercettare «persone in gamba che non vedono l'ora di fare qualcosa per la propria città». Si punta alla rigenerazione urbana attraverso il riutilizzo di spazi pubblici

Andrea Turco

Foto di: Urban Farm

Foto di: Urban Farm

Andrea Bartoli, l'ideatore della Farm, anche quando è fermo dà l'idea di essere in movimento. Se non fosse per qualche termine dialettale qua e là, non sembrerebbe neanche siciliano. Lo incontriamo in un caldo pomeriggio di febbraio. Progetti futuri, innanzitutto, a partire dallo Urban Farm, ovvero il tentativo di esportare il modello Favara - fatto di un centro culturale innovativo e fondato sull'arte contemporanea - in giro per la Sicilia, l'Italia e l'Europa. «Il progetto nasce alcuni anni fa, con la missione di internazionalizzare Farm. Poi però, congelata l'idea, abbiamo deciso di fare il contrario. Che senso aveva parlare di Farm Cultural Park in prospettiva europea se poi a Naro, Sommatino, Caltanissetta non sapevano cos'era?». 

Così è partita la call, come la chiamano qui mutuando il linguaggio delle start-up. Si sonda cioè il terreno a livello locale, coinvolgendo associazioni, gruppi e singoli artisti. In questo momento lo Urban Farm è in fase di completamento a livello regionale, giorno 14 ci saranno gli ultimi appuntamenti con Ragusa e Messina. Hanno risposto pressochè tutte le province. «L'obiettivo è raccontare Farm ai territori e allo stesso stesso tempo scoprire quello che accade lì. Abbiamo capito che ci sono tantissime risorse latenti in Sicilia, persone in gamba che non vedono l'ora di far qualcosa per la propria città». Referenti locali e coordinatori provinciali si rivolgono soprattutto a loro. Come sta facendo a Gela Elisa Andretti, architetta e designer che dopo esperienze pluriennali a Malta e in Finlandia, ha deciso di tornare nella propria isola. «È tutto all'insegna della massima apertura - dice Elisa - Siamo alla ricerca del massimo impatto col minimo impiego di risorse. Non necessariamente qualcosa di politico, in maniera molto indipendente». 

Bartoli si conferma, più che un «notaio pazzo» (come lo ha definito con ammirazione il Sole24ore), il notaio con l'attività meno notarile del mondo. «A Favara come altrove non ci interessa diventare una galleria all'aperto o il posto più fico della terra, ci interessa che davvero con arte e cultura si possano cambiare le cose». Non si replicherà però quella che è stata l'esperienza agrigentina. «Non è un processo di colonizzazione, lo scopo invece è consentire ad altri territori soluzioni specifiche, ciascuno con la propria storia. Non avrebbe senso immaginare una Sicilia piena di Farm». E non è neanche detto che si perseguirà la strada dell'arte contemporanea. A Gela ad esempio la chiusura di un'era industriale è evidente. La necessità di reinventarsi passa da ciò che è stato ed è il territorio, senza dubbio. Mai come in questo momento però si deve saper guardare oltre. «Le idee dipendono dalle persone che partecipano alla call - conferma Elisa -. Da noi le persone più attive sono state quelli di Google Developer Group. Si sono avvicinati il tema della street art e quello della permacultura. Centrale è l'idea delle rigenerazione urbana». 

Non a caso il prossimo appuntamento Farm, previsto per il 20 febbraio, si intitola Thirsty, for public spaces. Assetati di spazi pubblici, per una giornata dedicata allo spazio pubblico. Alla maniera di Farm, ovvero con installazioni artistiche, esibizioni, cibo e musica. Il 21 invece ci si sposta a Caltanissetta. Verrà presentato alla cittadinanza il progetto vincitore del concorso di idee Boom – Polmoni Urbani, promosso e finanziato dal Movimento 5 stelle Sicilia, per la riqualificazione e valorizzazione urbana. Una vecchia pista di pattinaggio, di oltre tremila metri quadrati e abbandonata da 15 anni, «diventerà – come si legge nell'evento Facebook - una piattaforma pionieristica ricreativa, formativa e di aggregazione sociale». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews