Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gela, da Roma solo conferma degli accordi
Operai ancora ai presidi. Sindacati: «Schifati»

Insoddisfacente l'esito dell'incontro al ministero dello Sviluppo economico: ammortizzatori sociali per tre mesi, lo sblocco dei cantieri della green refinery e della bonifica entro aprile. I lavoratori pronti a nuove proteste. Mentre c'è chi rilancia la questione del risanamento ambientale

Andrea Turco

Foto di: Movimento spontaneo dei lavoratori

Foto di: Movimento spontaneo dei lavoratori

La montagna partorì il topolino. Dieci giorni di mobilitazione operaiauna manifestazione di migliaia di persone in città, un consiglio comunale in trasferta nella Capitale, le attenzioni dei mass media di tutta Italia. Per ottenere, al tavolo di ieri a Roma al ministero dello Sviluppo Economico, la cassa integrazione in deroga (dunque pagata dalla Regione siciliana, ma con quali soldi in assenza di un bilancio è difficile prevederlo) per tre mesi per 400 lavoratori, sblocco dei cantieri entro aprile per quanto riguarda la green refinery e la bonifica dell'ex area Isaf. Cioè niente di diverso rispetto ai tempi e alle modalità previste dal protocollo d'intesa del 6 novembre 2014.

Il presidente Rosario Crocetta si dice soddisfatto, mentre l'amministrazione comunale si mantiene guardinga. «Quello ottenuto non è un risultato congruo alla storica mobilitazione di Gela in questa battaglia – sono le parole del sindaco Domenico Messinese –, ma la vertenza purtroppo sconta dei ritardi deplorevoli accumulati irresponsabilmente dalla politica provincialotta che in questi anni non è stata capace di vincolare il governo centrale alle proprie responsabilità». Secondo Ignazio Giudice, segretario generale della Cgil di Caltanissetta, «i sindacati si dicono non più solo indignati, profondamente schifati». E insieme agli operai annunciano nuove proteste. 

Intanto i presidi rimangono, per dare un segnale forte alla politica. Erano ben altri, infatti, gli orizzonti coi quali la giunta comunale era partita per Roma. «Non più ammortizzatori sociali, ma lavoro», era lo slogan più ricorrente e condiviso, partorito dal movimento spontaneo dei lavoratori, un gruppo auto organizzato di operai che sta conducendo le proteste. I quali, dai presidi, continuano a dirsi «più arrabbiati di prima. Abbiamo preso malissimo l'esito dell'incontro a Roma - spiegano - e stiamo pensando a nuove forme di lotta, che non siano le buffonate dei consiglieri comunali», dice Franco dal Greenstream. Il riferimento è alle foto in mutande e all'incatenazione davanti al Mise che stanno circolando molto su Facebook. Criticate anche da Toni Gangarossa, esponente della commissione Lavoro interna al Pd, che tempo fa a Meridionews proponeva l'autogestione della Raffineria. «La difficoltà in cui versa la città – dice – merita sobrietà degli atteggiamenti, perché l'esibizionismo tragicomico rischia di aggiungere la beffa al danno. L'istituzione deve dotarsi di una ritualità che non può mai scadere nel ridicolo e nel superfluo».

Ci sono comunque date certe, come ad esempio la conferenza dei servizi del 18 febbraio, che dovrà rilasciare le autorizzazioni di tutti i progetti certificati positivamente. L'amministrazione esulta per la presenza del governo. «Ci vuole l'avallo della politica centrale - spiega il vicesindaco Simone Siciliano - proprio perché la chiusura della Raffineria deriva da un politica energetica nazionale. A luglio l'accordo di programma sarà siglato con tutte le coperture finanziarie regionali, nazionali e di investitori privati, possibilmente internazionali». Si fanno ormai inconciliabili le divergenze col locale meetup del Movimento cinque stelle, che invece insiste sulle bonifiche come panacea per il territorio. La consigliera grillina Virginia Farruggia scrive che le bonifiche sono «l'unico investimento per un lavoro volto alla vera riconversione di un territorio devastato dalla politica e abbandonato dallo Stato. Oggi vogliamo le bonifiche per investire domani su: agricoltura, piccola pesca, turismo, cultura e tecnologia». 

C'è chi però va ancora oltre. Come Emilio Giudice, direttore della riserva naturale del Biviere, che si trova a ridosso della Raffineria. Il quale da anni si batte per una riperimetrazione del Sito di Interesse Nazionale (oggetto di bonifica) che non riguardi più solamente il perimetro attorno allo stabilimento industriale, ma si estenda anche alle centinaia di pozzi petroliferi e alla rete di oleodotti sotterranei sparsi per la piana di Gela. «Abbiamo 800 ettari di territorio potenzialmente contaminato e mai bonificato, al massimo messo in sicurezza - dice -. Sarebbe più corretto parlare di risanamento ambientale, riprendendo quel vecchio piano del 1990 mai attuato e che si deve attualizzare. Le bonifiche finiscono per essere un contentino». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×