Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Muos, la Cassazione conferma il sequestro
Rigettato il ricorso del ministero della Difesa

La suprema corte si è espressa sulla decisione, presa l'1 aprile 2015 dal gip di Caltagirone, di apporre i sigilli all'impianto satellitare statunitense di Niscemi. Rimane in ballo, invece, il ricorso amministrativo presentato al Cga dall'Avvocatura dello Stato dopo che il Tar ha dichiarato abusivo il sito

Redazione

Il Muos rimarrà sotto sequestro. A stabilirlo è stata la Cassazione, che ha rigettato il ricorso presentato dall'Avvocatura dello Stato, per conto del ministero della Difesa, contro la decisione del gip di Caltagirone che, a inizio aprile 2015, accettò la richiesta della Procura di apporre i sigilli all'impianto satellitare di Niscemi. All'epoca, il capo della procura calatina Giuseppe Verzera sottolineò che la richiesta arrivava come naturale conseguenza della sentenza con cui il Tar aveva ritirato le autorizzazioni alla marina militare statunitense, dichiarandolo di fatto abusivo. 

Oggi, la Cassazione confermando la validità del sequestro, di fatto ribadisce una volta di più il pronunciamento del Tar. Anche se va ricordato che in ballo c'è ancora il ricorso presentato dall'Avvocatura dello Stato al Cga, contro questa stessa sentenza. Il consiglio di giustizia amministrativa a novembre ha emesso una sentenza non definitiva, con la quale ha accolto parzialmente le motivazioni dell'Avvocatura, sottolineando la necessità di effettuare delle misurazioni elettromagnetiche del Muos. L'intento è quello di verificare l'effettiva pericolosità per la salute dell'uomo. 

Questa verifica, tuttavia, pur essendo stata programmata per il 13 gennaio, non è stata effettuata per l'insorgere di una serie di criticità - tra i quali la mancata possibilità di prendere adeguate misure precauzionali - che ha portato gli esperti nominati dal Cga ad annunciare che la relazione si baserà soltanto sui dati progettuali dell'impianto e non più su misurazioni sul campo.   

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews