Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trivelle, Renzi attacca sul referendum
«Significa migliaia di licenziamenti»

Il presidente del Consiglio apre la campagna referendaria. «Non si tratta di nuove trivellazioni. Sono quelle già in corso. Chi lo propone dice di fermare tutto alla prima scadenza utile, ma non si può bloccare a metà l'estrazione in nome di un principio ideologico»

Redazione

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

«La proposta che arriva dal referendum è quella di bloccare tutto. Questo significa migliaia di lavoratori in meno, è un controsenso». Il presidente del Consiglio Matteo Renzi inizia, ai microfoni di Rtl, la campagna referendaria sulle trivelle. La data è ancora da decidere ma tutto il Paese verrà chiamato a esprimere la sua opinione su un unico quesito, riguardante l'abrogazione della norma sulla durata delle concessioni. Che al momento prevede che i permessi e le concessioni già rilasciati abbiano la «durata della vita utile del giacimento». Adesso, però, con il parere positivo della Consulta, i cittadini potranno votare per abolire la norma.

Renzi la legge così: «Il tema delle trivelle è totalmente cancellato: rimane un unico punto. E cioè negli stabilimenti dove già sono in corso estrazioni da giacimenti di gas o petrolio off-shore, e stiamo parlando essenzialmente di Emilia Romagna e Sicilia, e di alcune migliaia posti di lavoro, il meccanismo attuale è che finché c'è il giacimento si va avanti. Ma non sono nuove trivellazioni. Sono quelle già in corso. Chi propone il referendum dice di bloccare tutto alla prima scadenza utile, ma non si può bloccare a metà l'estrazione in nome di un principio ideologico. Questo significa migliaia di licenziamenti. Mi sembra un controsenso bloccare a metà l'estrazione in nome di un principio ideologico».

Il dibattito attorno alle trivellazioni nei mesi scorsi era stato molto più ampio, sintetizzato poi nei sei quesiti proposti da nove regioni, tra cui non c'è la Sicilia, dopo il voto contrario dell'Ars. Ma cinque dei sei quesiti sono stati annullati dopo che il governo ha modificato le norme in materia con l'ultima legge di Stabilità. «C'è stata una discussione lunga - commenta Renzi -, il governo aveva proposto di fare ricerche in mare perché tutti le stanno facendo. Le regioni ci hanno chiesto di tornare indietro e abbiamo trovato un punto di equilibrio nella legge di stabilità». Modifiche che hanno rappresentato una mezza marcia indietro del governo nazionale, ma che non hanno convinto il movimento No Triv. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×