Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regione verso l'esercizio provvisorio per due mesi
Crocetta: «Non sia scusa per rimandare finanziaria»

Domani l'Ars voterà sia la spesa in dodicesimi che il dpef. Per il governatore si tratta di un modo per approfondire e presentarsi al meglio al voto sulla legge di stabilità. A convincere l'esecutivo, anche alcuni temi caldi e sempre d'attualità come precari e forestali 

Giuseppe Bianca

Foto di Bjs

Foto di Bjs

Avanti, ma piano. Nonostante sia Crocetta che Baccei volessero evitare il ricorso all’esercizio provvisorio, la scelta alla fine è stata questa. Domani sia l’atto di giunta che prevede la spesa in dodicesimi per due mesi, sia il documento di programmazione economica finanziaria (dpef), passeranno all’esame in commissione Bilancio e poi al voto dell’Aula. L’assessore all’Economia Baccei commenta così: «Gli uffici stanno lavorando alle norme che dovranno regolare la spesa bloccata con un articolo specifico, per il resto agiremo in dodicesimi. L’importante è arrivare al risultato finale». 

 La conferenza dei capigruppo è stata teatro di un confronto serrato tra Baccei e il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, che ha definito il ricorso all’esercizio provvisorio «una strada obbligata». A fare pendere la bilancia verso questa direzione, anche lo spauracchio di alcuni temi caldi tra cui precari e forestali, che necessiterebbero di ulteriori camere di compensazione e di un clima d’aula più rasserenato. A tal proposito, Crocetta, incontrando i giornalisti, ha commentato: «Avremo in questi mesi modo di approfondire e presentarci al meglio al voto sulla finanziaria. Stiamo lavorando per l’approvazione dell’esercizio provvisorio. Ha prevalso - continua il governatore - la mediazione sul dubbio che una normativa di carattere nazionale potesse essere calata dall'alto in una regione a statuto speciale. Non vorrei però che l’esercizio provvisorio diventasse un pretesto per differire il voto della finanziaria».

Intanto, questo pomeriggio, la maggioranza è andata sotto sulla norma che prevedeva la ricapitalizzazione della società partecipata Riscossione Sicilia, con un intervento di due milioni e mezzo di euro. A richiedere il voto segreto il Movimento cinque stelle. Trentasei voti a trentatré, l'esito della votazione. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews