Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regione verso l'esercizio provvisorio per due mesi
Crocetta: «Non sia scusa per rimandare finanziaria»

Domani l'Ars voterà sia la spesa in dodicesimi che il dpef. Per il governatore si tratta di un modo per approfondire e presentarsi al meglio al voto sulla legge di stabilità. A convincere l'esecutivo, anche alcuni temi caldi e sempre d'attualità come precari e forestali 

Giuseppe Bianca

Foto di Bjs

Foto di Bjs

Avanti, ma piano. Nonostante sia Crocetta che Baccei volessero evitare il ricorso all’esercizio provvisorio, la scelta alla fine è stata questa. Domani sia l’atto di giunta che prevede la spesa in dodicesimi per due mesi, sia il documento di programmazione economica finanziaria (dpef), passeranno all’esame in commissione Bilancio e poi al voto dell’Aula. L’assessore all’Economia Baccei commenta così: «Gli uffici stanno lavorando alle norme che dovranno regolare la spesa bloccata con un articolo specifico, per il resto agiremo in dodicesimi. L’importante è arrivare al risultato finale». 

 La conferenza dei capigruppo è stata teatro di un confronto serrato tra Baccei e il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, che ha definito il ricorso all’esercizio provvisorio «una strada obbligata». A fare pendere la bilancia verso questa direzione, anche lo spauracchio di alcuni temi caldi tra cui precari e forestali, che necessiterebbero di ulteriori camere di compensazione e di un clima d’aula più rasserenato. A tal proposito, Crocetta, incontrando i giornalisti, ha commentato: «Avremo in questi mesi modo di approfondire e presentarci al meglio al voto sulla finanziaria. Stiamo lavorando per l’approvazione dell’esercizio provvisorio. Ha prevalso - continua il governatore - la mediazione sul dubbio che una normativa di carattere nazionale potesse essere calata dall'alto in una regione a statuto speciale. Non vorrei però che l’esercizio provvisorio diventasse un pretesto per differire il voto della finanziaria».

Intanto, questo pomeriggio, la maggioranza è andata sotto sulla norma che prevedeva la ricapitalizzazione della società partecipata Riscossione Sicilia, con un intervento di due milioni e mezzo di euro. A richiedere il voto segreto il Movimento cinque stelle. Trentasei voti a trentatré, l'esito della votazione. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews