Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regione, l'Ars è deserta: bocciato il Dpef
Nuova sconfitta per il governo Crocetta

Si sarebbe dovuto approvare la programmazione economico-finanziaria per il prossimo triennio, ma in Aula c'erano soltanto 45 deputati. Defezioni nella maggioranza, tra cui gli assessori Gucciardi, Barbagallo e Cracolici. M5s chiede dimissioni Baccei. Sicilia Futura continua a vacillare tra maggioranza e opposizione

Simone Olivelli

Foto di Bjs

Foto di Bjs

Una settimana dopo aver ricevuto la fiducia al suo quarto governo, per Rosario Crocetta arriva una nuova batosta. Sede della sconfitta la stessa Ars, che il 15 dicembre aveva registrato il pienone e che invece oggi ha registrato l'assenza della metà dei parlamentari. La seduta non era una qualunque: all'ordine del giorno, infatti, c'era il voto sul Dpef. Ma piuttosto che a fare un passo in avanti nella programmazione economico-finanziaria per il prossimo triennio, l'assemblea odierna è servita a rimettere in discussione la solidità dell'esecutivo.

A partecipare al voto sono stati soltanto 45 deputati (su un totale di 90, ndr), con 21 voti favorevoli, altrettanti contrari e tre astenuti (Antonio Malafarina e Giovanni Di Giacinto del Megafono e Roberto Clemente del Pid). Importanti le defezioni nei ranghi della maggioranza e, specialmente, del Partito democratico: all'appello, infatti, sono mancati sette esponenti democratici, e tra essi anche i tre deputati-assessori Baldo Gucciardi (giunto a ridosso del voto), Anthony Barbagallo e Antonello Cracolici. Il dato, con molta probabilità, porterà opposizione e addetti ai lavori a chiedersi quanto stabile sia il nuovo capitolo dell'era Crocetta, se a minare la stabilità del governo sono i suoi stessi componenti.

Quel che è certo, invece, è che la bocciatura del Dpef porterà a un rallentamento nell'iter di approvazione di bilancio e finanziaria. Intanto, tra i primi a commentare questo nuovo passo falso sono i deputati del Movimento 5 stelle, che soltanto una settimana fa avevano attaccato quei deputati che, dopo essere protagonisti di periodiche e non più di tanto velate accuse all'operato di Crocetta, al momento di votare la mozione di sfiducia si sono stretti attorno al governatore: «[Questa bocciatura] è la plastica dimostrazione - affermano - che al di là delle dichiarazioni di circostanza e dell'interessata bocciatura della mozione di sfiducia a Crocetta, questo governo non ha la maggioranza per governare una Regione ormai letteralmente allo sbando. Le numerosissime assenze oggi in aula dimostrano, inoltre, quanto i deputati tengano alle sorti della Sicilia. L'aula - continuano - si è resa conto che il documento che si voleva approvare era solo un testo vuoto, un mero libro dei sogni, senza né capo né coda». Attacco, poi, all'assessore all'Economia Alessandro Baccei: «Ne prenda atto e presenti l'unica cosa sensata che può sottoporre - concludono - alla pubblica opinione: le sue immediate dimissioni». 

Critiche anche da Forza Italia: «La bocciatura è lo specchio della vacuità dell'azione di una rabberciata maggioranza, non forte nella proposta e nemmeno nei numeri», commenta il capogruppo Marco Falcone. Duro anche Nello Musumeci: «Il sogno del bilancio 2016 senza ricorrere all'esercizio provvisorio è svanito sotto il tiepido sole di una giornata prenatalizia. L'esordio del governo quater avviene con una sconfitta nell'atto più qualificante dell'azione politica». Fa discutere, intanto, l'assenza del gruppo di Sicilia Futura - presente solo Marcello Greco, che ha votato a favore - che dopo aver prima scritto una lettera aperta a Crocetta, alludendo alla possibilità di diventare opposizione, e poi aver invece votato la fiducia, oggi ha disertato il voto.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews