Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regione, prime critiche alla finanziaria
M5s: «Reddito minimo? Solo uno spot»

La bozza di finanziaria, che verrà discussa la prossima settimana, impone tagli lineari di 400 milioni di euro. In attesa dei soldi da Roma che il presidente Crocetta assicura arriveranno. Tra le misure previste, il taglio alle indennità dei dirigenti e le misure di sostegno alle famiglie povere, non convincono i grillini

Giuseppe Bianca

Foto di: Google Maps

Foto di: Google Maps

Il primo allarme sui soldi che mancavano per chiudere il bilancio è del sei ottobre scorso. Oggi la strada per le soluzioni condivise con Roma rimane impervia. Parlando della finanziaria, Crocetta ha ripetuto l'ennesima giaculatoria scaramantica riguardo al fatto di poter chiudere i conti con il passato. Intanto la cosa certa riguarda i tagli lineari di quattrocento milioni di euro. Prevista in finanziaria una norma che riguarda il precariato con un incentivo di dieci anni previsto per i comuni che stabilizzeranno nel 2016. 

Il governo regionale ha presentato una bozza di bilancio confusa e fin troppo generica. Tra la difficoltà di trovare i 500 milioni che mancano e le soluzioni dal sapore di spot sulla riduzione della remunerazione dei burocrati e i sussidi ai poveri, si inseriscono le aspre critiche del deputato pentastellato Giorgio Ciaccio. Il taglio delle indennità dei dirigenti regionali - nella opinione comune, una risorsa su cui bisogna, e di parecchio, aggiustare il tiro - proposto dal governo regionale nell'ambito della finanziaria sembra una cosa senza capo né coda. Il capogruppo all'Ars del Movimento 5 stelle, non ha particolari dubbi in proposito. 

«Il taglio della parte variabile prevista del contratto, al dirigente che ha meno di sedici unità da coordinare - dichiara il deputato - non rappresenta un modo di affrontare la questione. Che ci sia un quadro generale del personale, in cui mettere ordine tra sprechi e privilegi, appare pacifico. Ma adottare una misura in questi termini - continua - non ha senso né sotto il profilo meritocratico né sotto il punto di vista della organizzazione del lavoro. Un modo superficiale di governare». 

Altro punto che fa saltare dalla sedia il capogruppo pentastellato è il reddito minimo. Nella bozza di finanziaria si parla di reddito minimo familiare destinato alle famiglie in povertà assoluta, cioè con un Isee inferiore a ottomila euro, sotto forma di soldi e voucher per servizi sociali come il pagamento delle utenze domestiche, delle tasse scolastiche o delle rette per gli asili, le tariffe del trasporto pubblico. Ma non si parla di cifre stanziate, la cui definizione è rinviata a data da destinarsi, cioè all'adozione del Piano regionale per la povertà. «Crocetta sa - sottolinea Ciaccio - che in astratto annunci di questo tipo equivalgono a uno spot. Senza certezze di cifre assegnate che senso ha farsi impugnare le leggi sulla pelle dei siciliani?».

La formazione del bilancio parte dunque con il piede sbagliato. Con le forze politiche di opposizione che mettono nel mirino Alessandro Baccei, l'assessore all'Economia artefice dei tagli che Crocetta si accinge a presentare alla pubblica opinione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×