Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agricoltura: 2,2 miliardi alla Sicilia per il 2014-2020
Cantine, agriturismi, frutteti: come attingere ai fondi

Oltre il 95% della programmazione 2007-2013 è stato speso. Adesso la scommessa è fare meglio nei prossimi sei anni. Sono molte le misure rivolte a contadini, Comuni, piccole e medie imprese. Determinante il ruolo della Regione. «Si potranno finanziare anche beni immobili», spiega l'eurodeputata Michela Giuffrida

Fabio Bonasera

Oltre due miliardi e 200 milioni di euro per l’agricoltura siciliana. Lo prevede il nuovo Piano di sviluppo rurale della Regione siciliana, valido per gli anni compresi tra il 2014 e il 2020. Il primo tra le regioni italiane in termini di risorse finanziarie, con un miliardo e 300 milioni di finanziamento europeo e 874 milioni di co-finanziamento nazionale. Agricoltura biologica, banda larga nelle aree rurali, attività extra agricole nel settore turistico, start up agricole, energia da fonti rinnovabili, contrasto al dissesto idrogeologico: questi, solo alcuni dei settori finanziati con il documento di programmazione recentemente approvato dalla direzione generale dell’Agricoltura e dello sviluppo rurale della Commissione europea.

Il Piano di sviluppo rurale (Psr) è il principale strumento, a disposizione delle autorità regionali, per lo sviluppo del settore agricolo e delle aree rurali. La strategia del programma si basa su una programmazione pluriennale definita a seguito di un’analisi dei bisogni socio-economici e ambientali delle aree rurali. Il Psr 2014-2020 contiene le misure disponibili per gli agricoltori e quelle per i diversi attori delle aree rurali (Comuni, piccole e medie imprese, altri enti). «La misura numero 4, per esempio, riguarda gli investimenti in immobilizzazioni materiali e contribuisce all’obiettivo dell’ammodernamento, ristrutturazione e sviluppo del sistema produttivo agricolo e agro-alimentare, migliorando il rendimento globale e la competitività delle imprese sui mercati», spiega Michela Giuffrida, eurodeputata del Partito democratico, che domani, venerdì 18 dicembre alle 9 e 30, all’Hotel Excelsior-Mercure di piazza Giovanni Verga, a Catania, illustrerà i contenuti del piano insieme all’assessore regionale all’Agricoltura, Antonello Cracolici.

«In questa maniera – prosegue la componente della commissione Agricoltura del Parlamento europeo – si possono finanziare l’acquisizione, la costruzione o il miglioramento di beni immobili (terreni, fabbricati, viabilità aziendale ed elettrificazione aziendale) al servizio della produzione, dell’attività di allevamento, della lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli». E ancora la realizzazione di nuovi impianti, la ristrutturazione e la riconversione colturale e varietale di colture poliennali, l’acquisto di macchine e attrezzature agricole nuove, o di quelle per la conservazione, lavorazione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli.

I beneficiari della maggior parte delle misure sono gli agricoltori che, al momento della presentazione della cosiddetta domanda di aiuto, devono avere a disposizione un fascicolo aziendale con tutte le informazioni sui terreni e sull’azienda agricola e, laddove necessario, la partita Iva in agricoltura e l’iscrizione alla Camera di commercio. Disponibili pure misure per i Comuni o per le piccole e medie imprese, come la 6.2: aiuti all’avviamento d’imprese per le attività extra-agricole nelle zone rurali. Come la produzione tramite fonti rinnovabili e la razionalizzazione dell’uso di energia, l’attività di turismo rurale e di valorizzazione di beni culturali e ambientali.

Questo l’iter da seguire: dopo la pubblicazione dei bandi da parte della Regione, gli agricoltori presentano le domande nei centri di assistenza agricola accreditati (come l’Agea) o nei competenti uffici regionali. Successivamente si procede alla verifica delle pratiche. In genere, se la domanda di aiuto è idonea, entro 12-18 mesi dalla presentazione, il beneficiario riceve le somme sul proprio conto corrente. Determinante il ruolo della Regione. È l’autorità di gestione del Psr 2014 - 2020 e quindi il principale responsabile della gestione e dell’attuazione del programma. I Comuni svolgono un ruolo chiave per alcune misure, come ad esempio la numero 19, l’approccio leader gestito dai Gruppi di azione locale (Gal) costituiti da soggetti pubblici e privati rappresentativi degli interessi socio-economici del territorio, che si associano in una partnership pubblico-privata e assumono un ruolo operativo, sia gestionale che amministrativo.

A far ben sperare è la rendicontazione – ancora in corso – delle spese della passata programmazione (2007-2013): «Oltre il 95 per cento delle risorse – afferma Giuffrida – è stato già speso e ci si attende di arrivare a circa il 100 per cento. Nell’immaginario collettivo la spesa pubblica spesso è sinonimo di sprechi, mentre, soprattutto per i programmi finanziati da fondi europei, la rendicontazione è molto severa. Vi sono molti buoni progetti finanziati: nuove cantine, nuovi impianti di frutteti, centri di trasformazione, agriturismi. Inoltre, il sostegno all’agricoltura biologica è stato molto efficace. La Sicilia è diventata leader in questo settore». Una riflessione, secondo l’europarlamentare, andrebbe fatta invece sui tempi di erogazione e sulla qualità della spesa: «Implementare un programma di sviluppo rurale secondo le precise regole della legislazione europea – conclude – non è semplice. Bastano piccoli ritardi burocratici per rallentare l’avanzamento di un programma. Per migliorare le cose dobbiamo tutti prefiggerci obiettivi comuni e perseguirli sia a livello europeo sia a livello di applicazione regionale».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×