Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Le immagini sul cellulare del presunto terrorista
Fotomontaggi, frasi su Allah e contro il regime

Diffuse alcune foto trovate nei telefoni del 20enne siriano arrestato a Pozzallo con l'accusa di terrorismo. Lui imbraccia un'arma, accompagnato da scritte in arabo che rivelano il suo nome e richiami ad Allah. Ma mancano riferimenti a Isis. Il giovane sarebbe arrivato in Sicilia con la famiglia. Guarda le immagini

Salvo Catalano

Due fotomontaggi su comuni sfondi da desktop e un'immagine che lo ritrae accovacciato davanti a una porta. In tutti e tre i casi con in pugno la stessa arma, forse un mitra, e il suo nome, A.W. Sono le foto divulgate dalla Questura di Ragusa, trovate nei cellulari sequestrati al 20enne siriano sbarcato a Pozzallo e arrestato con l'accusa di terrorismo. A queste si aggiungono altre due immagini che contengono scritte religiose con un riferimento alla resistenza al regime. Materiale che per gli inquirenti rappresenta una parte delle prove che legherebbero il giovane direttamente a Isis.

«Non c'è nessun Dio al di fuori di Allah». È questa la prima frase che compare su una delle immagini recuperate dai telefoni, più di uno e di ultima generazione: parole scritte sulle dita chiuse di un pugno che squarcia una bandiera statunitense. In un'altra immagine compare ancora un pugno chiuso, con a fianco un proverbio: «Non ci inchiniamo a nessuno al di fuori di Allah». E sotto quella che sembra una sigla: «Saldi contro il regime». Il chiaro riferimento è alla dittatura di Bashar al Assad, contro cui dal 2011 si battono numerosi gruppi in quella che è presto diventata una guerra civile. Nelle foto che ritraggono il giovane, a fare da sfondo sono, in un caso, un castello, e nell'altro una roccia vicino a uno specchio d'acqua. Immagini che, con una rapida ricerca, è facile trovare online tra i comuni sfondi per i monitor dei computer.

Ieri il gip di Catania ha convalidato l'arresto e il giovane deve rispondere di associazione a delinquere con finalità di terrorismo. Secondo gli investigatori sarebbe legato direttamente a Isis e avrebbe contatti anche fuori dall'Italia. Proprio su queste presunte conoscenze si concentrano le indagini. A.W. è arrivato a Pozzallo il 4 dicembre con altri 523 migranti. Si trovava su un barcone soccorso nel Canale di Sicilia dalla nave di Medici senza frontiere. Ma, secondo le testimonianze dei primi soccorritori e del personale del centro di prima accoglienza ragusano, non era solo. Insieme a lui c'era la sua famiglia: padre, madre e una ragazza più giovane, che sarebbe stata individuata prima come la sorella e poi come la ragazza del giovane. Tutti e tre sono rimasti nel Cpsa di Pozzallo fino a un paio di giorni fa, quindi sono stati trasferiti in altre strutture. «In un primo momento è stato notato perché era un tipo solitario, non stava con nessuno, neanche con la sua famiglia», conclude il direttore del centro Angelo Zaccaria. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×