Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Un migrante fermato dalla polizia a Pozzallo
Nel cellulare foto che lo legherebbero a Isis

La notizia è stata diffusa questa mattina dall'agenzia di stampa Agi. L'uomo, di cui non si conosce al momento la nazionalità, sarebbe giunto nel porto del Ragusano lo scorso 4 dicembre a bordo di un barcone. Resta, tuttavia, da appurare se si tratti di reale appartenenza o vicinanza ideologica allo Stato Islamico

Redazione

Un uomo legato all'Isis sarebbe stato fermato dalla polizia a Pozzallo. La notizia è stata data dall'Agi, che fa riferimento a fonti investigative interne alla Digos di Ragusa. Secondo l'agenzia di stampa, un migrante, arrivato nel porto ragusano lo scorso 4 dicembre, sarebbe stato ritrovato in possesso di un cellulare all'interno del quale si trovavano immagini e video dello Stato Islamico, e nello specifico veri e propri atti terroristici. Tra i messaggi conservati in memoria ce ne sarebbe uno con scritto «Allah è grande, ma l'Isis lo è di più». 

L'uomo è stato interrogato per diverse ore dal Gip di Catania Daniela Monaco Crea, dinanzi ai sostituti procuratori Andrea Bonomo e Alfio Gabriele Fragalà: il giudice si è riservato la decisione sulla posizione dell'immigrato. L'indagine è stata spostata a Catania in quanto di competenza del pool antiterrorismo istituito presso la Dda del capoluogo etneo. Resta da appurare se l'uomo - del quale al momento non si conosce la nazionalità - sia legato a una reale appartenenza all'Isis o se si tratti di una vicinanza ideologica.

Arrivano intanto le prime reazioni da parte della politica: «È un'operazione di controllo che ha funzionato, la prova dell'efficacia del sistema di prevenzione - ha dichiarato il ministro degli Interno Angelino Alfano -. Il nostro lavoro non ammette sosta né di giorno né di notte, siamo sul campo con le nostre migliore squadre investigative e i nostri migliori uomini». Per il capo del Viminale, le capacità di identificazione dei migranti da parte delle autorità italiane «si avvicinano al cento per cento». «Oggi il capo della polizia Pansa incontrerà i questori italiani per ribadire - ha aggiunto Alfano - che in tema di foto segnalamento non transigiamo. Oggi abbiamo attrezzature molto più appropriate rispetto al 2014». Non manca una frecciatina all'Unione europea: «C'è un dossier molto ampio al centro dell'incontro di oggi con il commissario all'Immigrazione Avramopoulos. Crediamo che l'Europa dovrebbe aprire una procedura di ringraziamento per il nostro Paese perché - ha concluso il ministro - se noi non avessimo salvato migliaia di vite, l'Europa oggi sarebbe coperta da una coltre di vergogna».  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×