Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il pacifista Turi Vaccaro sul Muos
Parabola presa a colpi di martello

Stamani il noto attivista si è arrampicato sull'impianto all'interno della base Usa di Niscemi, portandosi dietro gli attrezzi per danneggiare quello che ha sempre ritenuto uno strumento di guerra. Già in passato si è reso protagonista di azioni di protesta. Guarda le foto. In aggiornamento 

Salvo Catalano

Foto di: No Muos

Foto di: No Muos

Turi Vaccaro è salito sul Muos. Il noto pacifista, non nuovo ad azioni contro l'impianto Usa, stamani ha eluso i controlli della base statunitense di Niscemi e si è arrampicato su una delle parabole. 

Si è portato dietro anche un martello con l'obiettivo di danneggiare quello che ha sempre ritenuto uno strumento di guerra. Nella borsetta che ha con sé c'è il disegno della sua nipote di due anni in cui è raffigurato un cuore. «Vuole consegnarlo al comandante della base», spiegano gli altri attivisti. Chi lo osserva da lontano lo descrive «di buon umore», «canta, rompe lampadine e prende a martellate la parabola».

Turi Vaccaro prima di entrare nella base

Vaccaro, che indossa una maglietta col simbolo della pace e la scritta No Muos, da alcuni giorni era in uno dei suoi scioperi della parola che di solito precedono le sue azioni. E così è stato anche stavolta: è entrato nella base intorno alle sette e mezza, rivendicando l'azione come Movimento spade e aratri. Non avrebbe tagliato reti, ma scavalcato e per circa mezz'ora è stato libero di muoversi, visto che il personale statunitense non si è accorto dell'inattesa visita. Con sé avrebbe un sacco a pelo, ma niente acqua. Al cantiere sono arrivati polizia, soccorsi e vigili del fuoco.  La zona è quindi presidiata da un imponente dispiegamento di polizia. Il Muos è ancora sotto sequestro, per decisione del gip di Caltagirone.

Attivo anche in val di Susa, Vaccaro è ormai conosciuto nel Comune del Nisseno. Nel 2013 era stato tra gli attivisti che si sono arrampicati sulle antenne di contrada Ulmo, lo scorso maggio è entrato nudo nella base Usa per spargere il sale. Sempre contro il Muos ha marciato per 400 hilometri insieme a un mulo, da Palermo fino a Niscemi. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews