Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, consiglio verso la sfiducia ad Accorinti
Mozione dopo la gestione dell'emergenza acqua

Fratelli d'Italia, Megafono, Pd e altri partiti hanno presentato una mozione che dovrebbe essere votata nei prossimi giorni. Lungo l'elenco delle contestazioni contro il sindaco: dal piano di riequilibrio ai minori non accompagnati. Ma su tutte pesa il caos degli ultimi giorni, su cui l'amministrazione ha solo alcune responsabilità

Fabio Bonasera

Foto di: Fabio Bonasera

Foto di: Fabio Bonasera

Il guanto della sfida è lanciato. Alla proposta di Piero Adamo (Fratelli d’Italia – Alleanza nazionale) di sfiduciare il sindaco di Messina, lo scorso settembre, fa seguito oggi la mozione depositata da quattro consiglieri comunali: Antonella Russo (gruppo misto), Nora Scuderi (Il Megafono), Donatella Sindoni (Pd) e Santi Daniele Zuccarello (Progressisti democratici). Per domani è attesa un’analoga iniziativa del Pdr. Se si tiene conto della recente presa di posizione della capogruppo del Nuovo centrodestra, Daniela Faranda, e dell’invito odierno a fare altrettanto da parte del vice coordinatore regionale dei club Forza Silvio, la poltrona di Renato Accorinti sembra iniziare davvero a scricchiolare.

La mozione di sfiducia è «volutamente aperta ai contributi e alle argomentazioni che altri consiglieri comunali vorranno fornire». Ad Accorinti vengono imputate «gravi inadempienze rispetto all’originario programma elettorale e il grave stato politico, economico e amministrativo» della città. La goccia che ha fatto traboccare il vaso, paradossalmente, l’emergenza idrica, «che ha fatto emergere l’inefficienza della macchina organizzativa comunale». Senza assolvere le «pecche organizzative della società partecipata Amam Spa».

Sulla gestione dell’emergenza gravano, va detto, gli ostacoli denunciati dal vice sindaco, Guido Signorino, venerdì scorso. Così come le scelte politiche, precedenti all'amministrazione Accorinti, sull’impiego di una sola fonte di approvvigionamento, l’acquedotto di Fiumefreddo, e il grave dissesto idrogeologico dell’area che lo ospita. In questo senso appare evidentemente in ritardo la proposta di ieri del Genio civile, al tavolo dell’unità di crisi, di realizzare urgentemente una rete di convogliamento delle acque piovane. Al pari di un sistema di protezione della condotta di Fiumefreddo, a carico di Comune e Amam, al quale si sarebbe dovuto provvedere da tempo.

La crisi, è evidente, è stata gestita su un doppio binario, frutto dei cattivi rapporti tra il primo cittadino e il prefetto, Stefano Trotta. Proprio i continui richiami di quest’ultimo sono tra le cause ulteriori della mozione: dall’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati alle infiltrazioni malavitose nella gestione della Vara, dalla mancata applicazione del protocollo Dalla Chiesa nell’affidamento di appalti pubblici all’esautoramento del Comune nella gestione della stessa emergenza idrica, l’elenco è nutrito. Ma all’esecutivo municipale vengono rimproverati pure «i gravi rilievi mossi al piano di riequilibrio» dal ministero, cui «non sono seguiti comportamenti idonei a eliminare le criticità riscontrate». Idem per il consuntivo 2013. Nel mirino, ancora, «la perdita dei fondi Pac e di altri finanziamenti a causa della mancata o ritardata presentazione dei progetti; la grave situazione dei rifiuti» che ha comunque condotto a un innalzamento dell’aliquota della Tari.

Domani, alle 10, nella sala delle commissioni consiliari, sarà Salvo Versaci, coordinatore provinciale del Pdr, ad avanzare una parallela proposta di sfiducia, alla presenza dei deputati regionali Marcello Greco e Beppe Picciolo e dei cinque consiglieri di riferimento: «Siamo certi, porterà alla più ampia adesione possibile, indispensabile per la realizzazione di una mozione di sfiducia costruttiva e attuabile». Ad auspicare una convergenza è Giuseppe Munaò, vice coordinatore siciliano dei club Forza Silvio, stigmatizzando «l’impreparazione, le bugie sostenute e la figuraccia alla quale il sindaco ha sottoposto l’intera città di Messina, intervenendo nei vari talk show televisivi nazionali». Al coordinatore regionale, Enzo Gibiino, la richiesta di apertura di «una fase di discussione all’interno di Forza Italia, evitando di lasciare eventuali decisioni in capo ai singoli consiglieri». «L’esperienza Accorinti è giunta definitivamente a termine – aveva già dichiarato Faranda alla fine della scorsa settimana – la sfiducia è nei fatti e si tradurrà entro pochi giorni in atti concreti con la mia firma». A generare forti reazioni, non solo le criticità emerse nella gestione dell’emergenza ma soprattutto alcune dichiarazioni del primo cittadino prive di fondamento, a partire da quella, ieri a L’Arena di Giletti, secondo la quale avrebbe rinunciato all’indennità. Notizia di cui non si è però ancora avuto riscontro.

Fuorviante anche quando alle 7,40 del 30 ottobre, su Facebook, ha annunciato – facendosi smentire subito dopo dall’Amam, che «in tarda mattina dovrebbe arrivare la prima acqua nelle case dei messinesi». O quando, poche ore dopo, all’Ansa, spiegando le ragioni della sua trasferta a Torino per l’assemblea dell’Anci, avrebbe riferito di non essersi mosso da Messina «finché non ho visto l’acqua riuscire dai rubinetti delle case». Nemmeno di questa notizia si è mai avuto riscontro.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×