Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Forestali, un esercito allargato a dismisura
Servono condizioni per farli lavorare sul serio

Sotto Cuffaro si raggiunse il numero spropositato che oggi costa quasi due milioni di euro al giorno. Servirebbe ridurli e ottimizzare il lavoro. Non una ricetta impossibile, ma il governo regionale, quando i partiti avranno finito di litigare sulle poltrone, dovrà metterci la faccia

Giuseppe Bianca

Le foreste dei forestali siciliani sono un grande mistero doloroso, dove spesso brilla solo la contraddizione. In epoca cuffariana, ma non solo, l’esercito dei 24 mila che costa quasi due milioni di euro al giorno, servizio antincendio chiavi in mano, si allargò a dismisura. Un vero e proprio ammortizzatore sociale rispetto a cui è bene non storcere subito il naso. Quando un sistema sociale, gestito dalla politica e raccordato dalle istituzioni non ha avuto la capacità di produrre gli anticorpi necessari, l’unica cosa che rimane da fare è creare le condizione per farli lavorare sul serio e con una buona organizzazione di ruoli e di funzioni. 

Oggi il parlamento siciliano proverà a mettere una pezza, stornando da uno dei fondi di riserva della sanità siciliana 33 milioni di euro. Giovanni Ardizzone e Vincenzo Vinciullo, presidenti dell’Ars e della commissione Bilancio mostravano sul volto ieri la preoccupazione di come disinnescare la bomba ad orologeria scoppiata. Perché in Sicilia i forestali con questi numeri, se vogliono, possono creare pressioni, danni, blocchi stradali, disagi e seri problemi. Fino a quando non si alzerà dal letto di chiodi, qualcuno degli epigoni del silenzio, quelli che creano il problema ed hanno in mano la soluzione pronta prima ancora di cominciare, e dispenserà saggezza e soldi. Prima di esprimere disappunto, sdegno, biasimo e contrarietà evidenti rispetto a metodi di protesta che non possono essere tollerati, chiediamoci come sia stato possibile consentire anche in passato che fosse concessa e spesso, tacitamente consentita dalla politica siciliana, questa forma di protesta intermittente, ai limiti del ricatto, oltre i confini dell’abuso rispetto anche ad una platea generale di lavoratori in sofferenza, dalla formazione professionale ai precari. 

Se tutti quelli che sono in difficoltà oggi alzano il livello di tensione, dove si arriva? La colpa non è dei forestali, ma di chi gli ha dato in questi anni cittadinanza ed agibilità . Anche in questo parlamento non mancano i suggeritori, gli interlocutori occulti che anche senza aizzare alla protesta, non provano, né riuscirebbero, a stemperare la tensione: «I forestali possono diventare una grande risorsa per la Sicilia – affermò un anno fa Rosario Crocetta - abbiamo già cominciato a mettere ordine riducendo la spesa corrente da 400 a 200 milioni di euro con progetti produttivi per investimenti per ulteriori 90 milioni, alcuni già partiti, per la salvaguardia di tutta la Sicilia esaltandone le bellezze e dando occupazione concreta ai lavoratori». E promise anche la ciliegina: «Già abbiamo aperto un tavolo di confronto con i sindacati ma non possiamo accettare chi in una visione anti-solidaristica pensa a licenziamenti di massa dei forestali». E chi parla di licenziarli? Ridurre, certamente, ed anche in maniera chiara, questo sì, costi e risorse finanziarie, e ottimizzare il lavoro. Non è una ricetta impossibile, ma il governo regionale, quando i partiti, Pd in testa, avranno finito di litigare sulle poltrone, dovrà metterci la faccia. Senza se e senza ma, e soprattutto senza che passi l’idea che con le minacce e la paura si possano ottenere risultati. Sarebbe l’inizio della fine.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews