Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Tangenti per appalti, arrestati tre funzionari
In manette anche il presidente di Rfi

L’accusa è di concussione e di induzione indebita a dare o promettere utilità. Due di loro avrebbero intascato mazzette per evitare "intoppi" nei lavori di un appalto da 26 milioni di euro. Coinvolto l'imprenditore agrigentino Massimo Campione. In corso perquisizioni tra Roma e Palermo

Redazione

Un giro di mazzette attorno a un grande appalto del Corpo forestale della Regione. Con l’accusa di concussione e induzione indebita a dare o promettere utilità la squadra mobile di Palermo diretta da Rodolfo Ruperti ha arrestato tre funzionari pubblici. Le manette sono scattate per Dario Lo Bosco, presidente di Rfi (Rete Ferroviaria Italiana), e due dirigenti del Corpo forestale, Salvatore Marranca (responsabile del Servizio tecnico) e Giuseppe Quattrocchi (a capo del Servizio speciale per la conservazione del suolo e dell'ambiente natutale). Per tutti sono stati disposti i domiciliari.

Al centro dell’inchiesta ci sarebbero le tangenti versate da un imprenditore agrigentino del settore delle costruzioni, Massimo Campione, pagate per evitare intoppi nei lavori di un appalto da 26 milioni di euro. Nelle scorse settimane la Polizia lo aveva fermato con una lista di nomi e accanto riportate delle cifre. Per gli investigatori della Squadra mobile non ci sono dubbi: quello era il libro mastro delle tangenti. Adesso starebbe collaborando con gli inquirenti. Camione è il fratello di Marco Campione, titolare della Girgenti Acque, società che gestisce il servizio idrico in provincia di Agirgento, tra disservizi e grane giudiziarie: a cominciare dalle indagini della Procura di Agrigento sul sistema di assunzioni del personale e dalla certificazione antimafia mancante per tre anni. 

Adesso sotto la lente di ingrandimento degli investigatori, coordinati dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Dino Petralia, ci sono due vicende distinte: quella che coinvolge Marranca e Quattrocchi relativa a un appalto per l'ammodernamento della rete di comunicazione via radio; l'altra, che vede coinvolto Lo Bosco, ha per oggetto l'acquisto di un sensore. Salvatore Marranca avrebbe ricevuto una mazzetta di 149.500 euro e Giuseppe Quattrocchi avrebbe intascato 90mila euro

Sono in corso perquisizioni tra Palermo e Roma nelle sedi di Rfi, dell'Ast e del Corpo forestale della Regione siciliana, a Palermo. I particolari dell’operazione denominata Black list saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa, in programma alle 11 al Palazzo di Giustizia, alla presenza del procuratore Francesco Lo Voi, dell’aggiunto Bernardo Petralia, del questore Guido Longo e del dirigente della Squadra Mobile, Rodolfo Ruperti. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews