Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, scoperto un giro di sostanze dopanti
Dopo segnalazioni delle madri dei body builder

Vedevano i propri figli gonfiare e contrarre infezioni. Dalle preoccupazioni di alcune mamme di atleti sono partite le indagini che hanno portato all'arresto di sei persone. Undici in totale i titolari di palestre e i personal trainer coinvolti. Avrebbero prescritti piani di allenamento e diete, da integrare con medicine. Guarda il video

Fabio Bonasera

Sono state le mamme degli atleti ad allarmarsi e a mettere gli inquirenti sul chi va là, vedendo i propri figli gonfiare pericolosamente. Nasce da qui l’operazione Bratislava che ha condotto all’adozione di misure cautelari – tra le quali sei arresti – per undici persone. Gli indagati sono titolari di palestre, personal trainer e body builder coinvolti, a vario titolo, in un giro di sostanze dopanti assunte dai culturisti. Sono ritenuti responsabili a vario titolo di aver prescritto, commercializzato e ricettato farmaci e sostanze farmacologicamente o biologicamente attive, attraverso canali diversi dalle farmacie aperte al pubblico, in assenza di controlli o prescrizioni mediche. Due palestre sono state sequestrate.

L’ordinanza restrittiva è stata emessa dal gip del Tribunale di Messina, Daniela Urbani, a seguito delle indagini della squadra mobile, coordinate dal sostituto procuratore Diego Capece Minutolo. Quel che ne sarebbe emerso è che, in alcune palestre di Messina e Villafranca Tirrena, agli atleti venivano prescritti piani di allenamento e diete che venivano poi integrati con sostanze dopanti quali stanazolo, trembolone, metenolone, oxandrolone, nandrolone e boldenone. Qualcuno si somministrava anche insulina, sottraendola niente meno che a parenti diabetici.

Le indagini, avvenute tramite perquisizioni, appostamenti, intercettazioni, si sono protratte dall’aprile 2012 all’aprile 2013 e hanno portato al sequestro, a carico degli indagati, di ingenti quantitativi di sostanze anabolizzanti. A sollecitarle è stata la denuncia di alcune mamme, preoccupate per la salute dei loro figli, vedendoli gonfiare a vista d’occhio e contrarre preoccupanti infezioni e infiammazioni.

I sequestri sono stati eseguiti a più riprese: nel novembre 2012, a marzo e aprile 2013 e nel febbraio dello scorso anno. Tra i farmaci sequestrati, persino alcuni non commerciabili in Italia, importati dalla Slovacchia tramite uno degli indagati, titolare di alcune palestre di Bratislava e del Salernitano.

Gli arresti effettuati stamattina dai poliziotti della Mobile di Messina, in collaborazione con i colleghi di Palermo e Salerno, hanno riguardato Girolamo Grasso, 54 anni, messinese, titolare della palestra Girolamo’s gym di Messina; Domenico Battaglia, 53 anni, originario di Rometta, titolare della palestra Body elegance center di Villafranca Tirrena; Mario Amato, 30 anni, residente a Rometta, personal trainer; Rosario Mesiti, 38enne personal trainer messinese; Michele De Fanis, 32enne di Palermo; Simone Pellegrino, 24 anni, residente a Pontecagnano Faiano (Salerno). Tutti si trovano adesso ai domiciliari.

Altri quattro indagati sono stati sottoposti alla misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Si tratta dei messinesi Antonino Settimo, 29 anni; Wender Viola, 28; Patrizia Mirabile, 46; Giovanni Radessich, 43. Quest’ultimo, residente a Villafranca Tirrena.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews