Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trivelle, Crocetta: «Altre Regioni non hanno gas»
«Referendum ideologico, una stupidata dire sì»

«In Sicilia abbiamo progetti che possono servire per avviare l'industria metalmeccanica della Fincantieri o riconvertire quella di Gela, creando occasioni per una serie di entrate». Il governatore torna sull'argomento più caldo della settimana scorsa e critica i suoi colleghi favorevoli alla consultazione popolare

Alessia Rotolo

«Le altre regioni interessate dalle trivellazioni non hanno gas e neanche altre risorse, per cui fanno il referendum che diventa una cosa ideologica». Il governatore Rosario Crocetta torna sull'argomento più caldo della settimana scorsa: la decisione dell'Ars di non dare il via libera al referendum contro lo Sblocca Italia, la manovra del governo Renzi che ha centralizzato a Roma le autorizzazioni per le trivellazioni. «Qui - ha spiegato Crocetta a MeridioNews, a margine della festa del Pd a Palermo - abbiamo progetti che possono servire, ad esempio, per avviare l'industria metalmeccanica della Fincantieri o riconvertire quella di Gela, creando occasioni per una serie di entrate che, ripeto, verranno dal gas e non dal petrolio. Ecco perché mi sembrava una stupidata».

Durante la sua campagna elettorale, il presidente aveva firmato l'appello di Greenpeace contro le trivelle nel mare siculo. Al popolo siciliano è stata negata la possibilità di decidere con un referendum, com'è accaduto invece in altre regioni. Il perché il governatore ha provato a spiegarlo il giorno dopo il voto in aula, ricordano l'accordo siglato con l'Eni su Gela che sarebbe stato messo a rischio.

«Sulle trivelle io non vedo alcun problema - ha aggiunto - perché i progetti di trivellazione riguardano giacimenti immensi di gas, un'energia alternativa alla benzina e al diesel, e che può quindi favorire uno sviluppo ecosostenibile per l'isola. Per queste ragioni non capisco la polemica. Abbiamo fatto bene, anche perché altrimenti sarebbero saltati una serie di investimenti e accordi importanti, creando tensioni sociali». Quindi la stoccata ai colleghi presidenti delle altre Regioni che invece hanno votato a favore del referendum: «Non hanno gas e neanche altre risorse, per cui fanno il referendum che diventa una cosa ideologica».

Per quanto riguarda le nuove prospettive su Termini Imerese e Gela, il presidente ha annunciato un nuovo incontro con la ministra dello Sviluppo economico Federica Guidi, che si terrà domani a Roma. Intanto sei quesiti referendari per l'abrogazione di alcune parti dell'articolo 38 dello Sblocca Italia saranno depositati mercoledì 30 settembre negli uffici della Corte di Cassazione.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×