Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trivelle e Monterosso, Ars vota senza dibattito
L'insolito mutismo di Crocetta ipnotizza i suoi

La seduta di ieri si è svolta in un clima surreale. Una giornata atipica e irregolare in cui perfino il governatore abbandona il suo atteggiamento vulcanico. E l'aula trova l’accordo senza esitazione, quando la mediazione avrebbe offerto spunti più ragionevoli, specie sui referendum affossati

Filemazio

Alla fine non si sono riempiti neanche i banchi, semivuoti, della sala stampa. Non c’è stato il tempo. Una giornata atipica ed irregolare, quella dell’Ars di ieri. Si annunciava scoppiettante, vibratile, esasperata dal confronto e dalle barricate su cui erano pronti a salire i grillini per discutere la mozione di censura nei confronti della Segretaria generale della Regione siciliana Patrizia Monterosso. Si è rivelata alla fine soporifera e stemperata dall’uno contro uno tra Antonello Cracolici e Giorgio Ciaccio, capigruppo Pd e M5s, prima che il voto dell’aula sancisse l’inammissibilità della discussione della mozione di censura. 

Alla fine lo stesso governatore siciliano, solitamente scoppiettante, un vulcano in eruzione, sembrava tessere l’elogio del mutismo. Guardava dai banchi del governo i parlamentari della maggioranza, distrattamente senza apparenti secondi fini. Li ha quasi ipnotizzati, al punto che sull’esito del voto non ci sono stati dubbi, neanche per un minuto. Un'Ars che sorprende per il suo silenzio. O per il poco rumore. Disabituata al confronto e scoraggiata dal fare più leggi di quelle che non le impugnino, l’Aula ieri ha vissuto sullo scontro tra il capogruppo dell’Udc Girolamo Turano ed il presidente pro tempore Antonio Venturino: «Se vuole le faccio avere la copia più recente del regolamento», la bacchettata di Venturino. Il rumore dei nemici è rimasto lontano. 

La buvette, recentemente rifatta, accoglie i deputati. Tra i più imbronciati e perplessi, l’ex sindaco di Ragusa Nello Dipasquale: «Non sono interessato a fare l’assessore alle Attività produttive, state tranquilli», poi scherza ancora qualche minuto prima di andare via. C’è da riconquistare un feudo elettorale oggi in mano al M5s a Ragusa. Anche per lui, forse uno dei delusi silenziosi della rivoluzione normalizzata di Crocetta. Circolava ieri un clima quasi surreale, tra referendum sulle trivelle bocciati, il presidente Ardizzone assente, l’assestamento di Bilancio da incardinare. Tutto si svolge in poco tempo, come se la testa fosse da un’altra parte. Non un parlamento svogliato e distratto, ma un’Aula che cerca la velocità nel giorno in cui serviva sminuzzare i discorsi. Che sceglie il voto, azzerando il dibattito. Che trova l’accordo senza esitazione, quando la mediazione avrebbe offerto spunti più ragionevoli, specie sui referendum affossati. Chissà se la nuova frontiera low profile verrà mantenuta anche per la prossima Finanziaria, per i rimpasti di governo e l’esecutivo da varare. Per i testi di legge impugnati che dovranno tornare in aula per gli esami di riparazione. Se la cronaca dunque langue, la controcronaca a riprova dell’incantesimo di ieri, replica con discrezione. 

Solo Vincenzo Vinciullo (Ncd), presidente pro tempore della commissione Bilancio, autore in aula di un intervento lontano nei toni da quelli del passato, sorprende a sorridere l’ex, ormai, alleato di una volta, Marco Falcone, capogruppo di Forza Italia. E prima di annunciare querela nei confronti di Ciaccio (M5s) - che si dimette da segretario della commissione Bilancio, in polemica con lo stesso Vinciullo - si rivolge a Falcone: «Non c’è niente da ridere collega Falcone, in un momento così drammatico». Come dargli torto?

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews