Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

No Triv, da sei Regioni sì a quesiti sul referendum
Ma Crocetta non c'è. Ars deciderà il 23 settembre

A Bari sei governatori del Sud, ma non quello della Sicilia, hanno approvato i quesiti che potrebbero essere sottoposti alla scelta dei cittadini. Ma a chiederlo devono essere almeno cinque regioni. L'Ars deciderà il 23 settembre. Solo il M5s ha espresso voto favorevole. Allo stesso tempo i grillini fanno i conti col caso Gela

Andrea Turco

Oltre 94mila firme raccolte su avaaz.org, la pressione costante del coordinamento nazionale No Triv e del Movimento 5 stelle, il ruolo di coordinamento assunto dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano hanno reso possibile, il 18 settembre scorso alla Fiera del Levante, l'approvazione di un referendum nazionale contro le trivelle in mare. O meglio, per abrogare «le norme dello Sblocca Italia che autorizzano la ricerca di petrolio e le trivellazioni nel mare Adriatico e Ionio», come precisa lo stesso Emiliano, a commento della foto che lo vede insieme ai presidenti delle Regioni interessate. 

Ancora una volta a risultare assente a questi incontri è Rosario Crocetta. Nonostante la Sicilia sia interessata agli effetti del referendum abrogativo. Come ricorda Salvatore Mauro, No Triv di Montevago, provincia di Agrigento, «attualmente nel canale di Sicilia ci sono in fase di autorizzazione ben nove istanze di trivellazioni petrolifere che a suo tempo il decreto legislativo Sviluppo Italia del 2012 ha riaperto, autorizzazioni che lo Sblocca Italia semplifica e di cui accelera i tempi». 

Entro il 30 settembre almeno cinque consigli regionali devono votare la delibera (unica e i cui quesiti sono stati formulati a Bari) sull'indizione del referendum. All'Assemblea regionale Siciliana l'appuntamento è fissato per il 23 settembre. C'è da capire la volontà politica dei deputati all'Ars. Finora a schierarsi apertamente contro i nuovi progetti di esplorazione e di ricerca petrolifera sono stati solamente i Cinquestelle. Che allo stesso tempo a Gela devono fare i conti con un protocollo d'intesa, firmato il 6 novembre scorso dalla precedente amministrazione a marca Pd, che prevede trivellazioni a mare ed investimenti per 1 miliardo e 800 milioni di euro

Per questo motivo il comitato No Triv di Licata, poco prima del tavolo al ministero dello Sviluppo economico a cui ha partecipato l'amministrazione gelese, ha scritto una mail al sindaco di Gela Domenico Messinese. «Inutile dire – affermano gli attivisti – che la comunità di Licata si aspetta che venga ridimensionata la smania devastatrice di Eni e che vengano fermati i progetti di trivellazioni, coerentemente con quanto da lei promesso in campagna elettorale». Un appello al quale Messinese però non ha finora risposto. Interpellato al telefono da Meridionews, il sindaco pentastellato si giustifica: «Rientro domani, sono stato tra Roma e Milano per parlare di Gela all'Expo e non ho letto la mail». Per poi ribadire un messaggio implicitamente rivolto anche alla frangia dissidente dei Cinquestelle, con le due fazioni ormai separate in casa e con due meetup diversi: «Quel protocollo e l'accordo di programma su cui stiamo lavorando sono due cose distinte e separate». 

Resta il fatto che i progetti Eni in Sicilia, al netto di una riconversione finora rimasta sulla carta, si incentrano sul progetto offshore ibleo. «Col prezzo attuale del petrolio e con la scoperta del giacimento in Egitto, sono convinto che sia un progetto che muore da solo – conclude Messinese - Non conviene metterci il becco».  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews