Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Muos, lanciato in orbita il quarto satellite
Il custode: «Nella base solo manutenzione»

Vincenzo Sicuso, comandante della base di Sigonella, è stato nominato dalla procura di Caltagirone dopo il sequestro disposto ad aprile. «Tutti i lavori sono sospesi - afferma - L'attività è semplicemente mantenuta nello stato dell'arte». Intanto da Cape Canaveral è partito il quarto satellite. Guarda il video

Carmen Valisano, Dario De Luca

Foto di: Fabio D'Alessandro

Foto di: Fabio D'Alessandro

Mercoledì 2 settembre, alle 12.18 italiane, è stato lanciato il quarto satellite Muos dalla base di Cape Canaveral, in Florida. Il terzo razzo era stato inviato in orbita a gennaio, quando la situazione nei dintorni della base di Niscemi, dove era in corso la costruzione dell'impianto satellitare statunitense, era totalmente diversa. Dal primo aprile, infatti, il cantiere è sotto sequestro su ordine della procura di Caltagirone. «Tutti i lavori sono sospesi. L'attività all'interno dell'infrastruttura su Niscemi è semplicemente mantenuta nello stato dell'arte». A parlare è Vincenzo Sicuso, comandante della base dell'Aeronautica militare di Sigonella, nominato custode giudiziale. 

«In questo momento chiunque debba accedere al Muos deve farlo in mia presenza o di un mio sostituto e comunque di una mia autorizzazione», spiega Sicuso. Al momento «la giustizia italiana sta prendendo le proprie decisioni, sta analizzando ancora una volta ogni singola sfaccettatura del caso». Il reato ipotizzato è quello indicato dal Tar di Palermo, che a febbraio ha dichiarato abusivi i lavori per la realizzazione dell'impianto. «La magistratura sta valutando dal punto di vista strutturale in questo momento. Sull'essere lecito o no la costruzione edificata», prosegue il comandante. A mancare, secondo il procuratore di Caltagirone Giuseppe Verzera, sarebbero le necessarie autorizzazioni paesaggistiche. Alla misura del sequestro, poco dopo, si è aggiunta la denuncia presentata dall'associazione antimafie Rita Atria che ha documentato la prosecuzione dei lavori nel cantiere

Nonostante il sequestro, l'attenzione attorno all'impianto in provincia di Caltanissetta non è calata. Pochi giorni fa una sentenza del Consiglio di giustizia amministrativa ha disposto nuovi accertamenti sull'impianto. I rilievi dovranno essere condotti da «due scienziati di chiara fama», nominati dal presidente del Consiglio nazionale delle ricerche e dal presidente del Consiglio universitario nazionale e tre ministri governativi. Una sentenza che ha lasciato perplessi i legali del del coordinamento regionale dei comitati No Muos. Inoltre a luglio per qualche giorno è circolata la notizia secondo la quale il governo Usa avrebbe deciso di spostare le parabole a Haouaria, in Tunisia. Un'informazione che aveva scatenato il sollievo dei movimenti che si oppongono alla costruzione nella base di Niscemi, ma respinta da entrambi i governi, sia quello statunitense che quello tunisino. 

Quello che in questo periodo è stato permesso, riferisce Vincenzo Sicuso, è «la manutenzione per evitare che tutto quello che è stato edificato possa rovinarsi». Nella base nissena viene mantenuto «uno stato di non attività, ma di salvaguardia delle infrastrutture e delle apparecchiature. In attesa che la magistratura completi il proprio corso e possa dare un esito. E poi - conclude - ci si allineerà a quell'esito». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews