Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

In coda sulla trazzera del M5s, con pendenze al 20%
Tra frizioni a rischio, auto ferme e indicazioni carenti

Un guidatore che percorre via dell'Onestà quattro volte a settimana immortala l'attraversamento della strada in una situazione di traffico intenso tra macchine in fila e «persone che arrancano e sono costrette a fermarsi di lato». Nessuna intenzione di attaccare l'opera ma dare informazioni utili

Simone Olivelli

Foto di: Simone Olivelli

Foto di: Simone Olivelli

Una trazzera da gioia e dolori. A poche settimane dall'inaugurazione della via dell'Onestà da parte del Movimento 5 Stelle - con tanto di discussioni sulle condizioni a pagherò tramite cui l'opera è stata finanziata - sul web si registrano le prime impressioni da parte di chi, al netto delle ideologie politiche e delle strumentalizzazioni, ha avuto modo di sperimentare la strada nata con la promessa di ridurre i disagi causati dal crollo di uno dei piloni del viadotto Himera sull'autostrada Catania-Palermo.

E, come c'era da aspettarsi, i pareri favorevoli si alternano a quelli negativi. D'altronde le particolarità tecniche della trazzera - su tutti la pendenza media del 20 per cento con punte massime del 27 - sin da subito avevano destato perplessità sulle condizioni di guida. A quanto pare tra le conseguenze per i guidatori non vi è solo la necessità di guidare in salita a una velocità particolarmente ridotta - per larghi tratti soltanto in prima marcia - e in discesa prestando attenzione ai freni; i rischi riguarderebbero anche la meccanica delle automobili, con possibili danni a frizioni e motori. Soprattutto se sulla via dell'Onestà si creano delle file. 

Negli ultimi giorni è stato pubblicato un video che descrive l'attraversamento della trazzera in una situazione di particolare traffico. Autore delle riprese Antonello Casagni, che per motivi professionali e non si trova costretto a utilizzare la trazzera diverse volte a settimana: «La percorro quattro volte a settimana, da quando era sterrata; solo che allora la utilizzavo solo in discesa - racconta a MeridioNews -. Il pomeriggio in cui ho girato il video è stato il giorno di maggior traffico, anche perché nei giorni precedenti le indicazioni erano carenti per cui la maggior parte delle auto transitava per Polizzi».

Casagni tiene a sottolineare come all'origine del video non vi sia stata l'intenzione di attaccare l'opera in sé: «Purtroppo sono state travisate le motivazioni del mio video - continua -. Non ho voluto assolutamente criticare la trazzera, ma la leggerezza con cui è stata gestita l'informazione». A riguardo l'uomo sottolinea come siano carenti le indicazioni per i guidatori: «Immaginatevi un neopatentato che si trova incolonnato senza sapere cosa l'aspetta, oppure una famiglia con utilitaria e bagagli a non finire - aggiunge Casagni -. Io non ho avuto alcun problema all'auto, anche perché, pur non essendo un pilota, ho un'esperienza di guida di oltre due milioni di chilometri, ma ho visto persone arrancare e costrette a fermarsi a bordo strada con l'auto in panne». 

Non è il primo video che l'uomo pubblica sulla trazzera, dando anche diversi consigli su come affrontare la salita: «In uno di questi post una ragazzina mi ha ringraziato dicendomi che le avevo fatto capire che avrebbe avuto problemi». Tra gli aneddoti che hanno segnato queste prime settimane di vita della trazzera, uno riguardante l'odissea vissuta da un anziano: «Un giorno, alcune auto davanti a me si sono fermate. La prima vettura era guidata da un vecchietto con la moglie accanto. Dopo alcuni tentativi, sfrizionando a più non posso, l'auto si è fermata e soltanto grazie all'aiuto di alcuni giovani che hanno preso la guida dell'auto dell'anziano siamo riusciti ad arrivare in cima». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews