Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Università, Kore Enna contro il Sole24Ore
«La solita bufala per ingannare gli studenti»

L'ateneo privato è ultimo tra i 15 esaminati. Ma contesta in particolare tre parametri usati per stilare la classifica che «riguardano il contesto infrastrutturale e sociale della regione». E sottolinea: «Noi secondi per soddisfazione degli utenti»

Redazione

La tradizionale classifica delle migliori università italiane stilata dal Sole24Ore non è andata giù alla Kore di Enna, ultima tra i 15 atenei privati presi in considerazione. Che punta il dito in particolare contro tre dei 12 indicatori usati dal quotidiano economico per stilare la graduatoria. «Essi - sottolinea la direzione della Kore - riguardano il contesto infrastrutturale e sociale della regione in cui insiste ogni università e per il quale la qualità delle università non c’entra nulla: nei contesti migliori le università ne sono beneficiarie, in quelli peggiori le università ne sono le vittime».

Il primo parametro oggetto di critica è il numero di iscritti da fuori regione. «Naturalmente - scrivono dall'ateneo siciliano - agli ultimi posti ci sono Enna, Catania, Cagliari e Palermo, rispettivamente con 0.9, 0.5, 0.3, 0.3 che sono già indici da miracolo considerati i trasporti tra il continente e le isole». Secondo punto è la quantità della borse di studio che, però, «vengono erogate dai singoli governi regionali». Terzo fattore la percentuale di occupati ad un anno dalla laurea, che «dipende dal mercato del lavoro, in cui il Nord prevale ampiamente sul Sud». Sarebbe quindi il contesto a influire negativamente sulla classifica del Sole24Ore

La Kore sottolinea poi l'importanza delle singole valutazioni negative sul risultato finale. «Il Sole24ore assegna cento al primo classificato di ogni indicatore e zero all’ultimo classificato, attribuendo i punteggi intermedi in proporzione al primo. In questo modo, ogni indicatore ha lo stesso peso e basta essere primi in un terzo degli indicatori per assicurarsi i vertici della classifica generale». Quando uno dei 12 indicatori manca, il punteggio totale si ricava facendo la media su 11, quindi non penalizza il dato finale. Quest'ultimo punto, secondo l'ateneo di Enna, è particolarmente rilevante per quanto riguarda la soddisfazione degli utenti, parametro che manca per molte università ai vertici della classifica e che, invece, vede la Kore al secondo posto assoluto, tra tutti gli atenei pubblici e privati. «La soddisfazione degli studenti - sottolinea - viene ricavata dai risultati di un questionario molto dettagliato nel quale i laureandi esprimono il loro giudizio sui servizi, sui docenti, sulle strutture, sull’apprendimento delle lingue e su molti altri aspetti del funzionamento dell’ateneo che hanno frequentati. Da decenni, la soddisfazione del cliente è essa stessa sinonimo della qualità di una struttura, ma per il Sole24Ore no. O almeno non per tutti gli atenei». 

A sostengo della critica la Kore cita alcuni esempi. «Se si va a guardare nei meandri della classifica, si può facilmente verificare che tre degli atenei che il Sole colloca nei primi dieci posti della classifica delle università statali (Milano Bicocca, Milano Statale e Pavia) non hanno alcun dato sulla soddisfazione degli studenti. La stessa cosa accade a due degli atenei non statali (Bocconi e Luiss) che il Sole però colloca disinvoltamente addirittura al primo e al secondo posto in Italia. È letteralmente stupefacente - conclude - che si collochino ai primi posti atenei che non dispongono della valutazione da parte degli studenti e si dica ai futuri studenti che quelle (tra le quali l’università di proprietà di Confindustria, che è proprietaria anche del Sole24Ore) sono le università migliori d’Italia».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews