Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

L'economia sommersa in Sicilia secondo l'Inps
Tra disoccupazione e «preoccupante lavoro nero»

I giovani siciliani senza lavoro sono quasi il 50 per cento del totale e nei primi sei mesi 2015 sono state autorizzate otto milioni di ore di cassa integrazione. Sono i dati della sede isolana dell'Istituto nazionale di previdenza sociale. «Le altre regioni danno segni di ripresa, noi siamo in stagnazione»

Alessia Rotolo

In Sicilia aumentano i contenziosi nei confronti dell'Inps, i dati della disoccupazione giovanile sfiorano il 50 per cento, nei primi sei mesi del 2015 sono state autorizzate quasi otto milioni di ore di cassa integrazione. Sono dati sconfortanti quelli snocciolati oggi da Franco Gioia, presidente di Inps Sicilia, e dalla direttrice Maria Sciarrino. Nel corso di una conferenza stampa, i vertici dell'Istituto di previdenza sociale nell'Isola hanno fatto il punto della situazione. Facendo emergere i tanti lati oscuri dell'economia siciliana. A partire dal lavoro nero. «Operiamo in una condizione di estrema difficoltà - spiega Gioia - dovuta alla permanenza della crisi economica che si registra in Sicilia. In un momento in cui le altre regioni cominciano ad avvertire qualche segnale di ripresa, noi siamo in profonda stagnazione. Possiamo dirci fortunati se il tasso di crescita a fine anno sarà zero, visto che è stato in segno negativo. Stiamo subendo tutti queste politiche di austerità. Se poi pensiamo a tutti i balzelli di tasse sempre più pesanti, i consumi si ridimensionano sempre più».

«Se al Nord si registra un numero maggiore di contratti - dice Franco Gioia - in Sicilia non accade. Non siamo in presenza di una crescita economica. È vero, ci sono state novemila assunzioni, ma si tratta di precari che usano l'opportunità di tre anni di decontribuzione». «Se un'azienda non produce a cosa serve la decontribuzione? - spiega ancora il presidente di Inps Sicilia - Le attuali ricette che arrivano da tutte le parti, certo non incoraggiano. È vero che ci sono regioni più virtuose nel Mezzogiorno, dove si registra un tasso di crescita che non si registra in Sicilia». E per quanto riguarda la cassa integrazione, ecco i numeri: nel periodo gennaio-maggio 2013 sono state autorizzate 16 milioni 341 ore di cig, nello stesso periodo del 2014 sono state 10 milioni 751. Nei primi cinque mesi di quest'anno scendono a sette milioni e 747 ore. «Si passa dalla disoccupazione al nulla. Mica ci sono aziende che assumono». «L'azienda che è subentrata alla Fiat di Termini Imerese - aggiunge - ha chiesto la cassa integrazione. Ci possono essere aziende che sono in una fase in cui si pensa che si possano riprendere». E sul Jobs act il presidente di Inps Sicilia dice: «Tra i dati del Jobs act e i dati forniti dalla Cig c'è una corrispondenza».

Occhi puntati soprattutto sulla vigilanza: «C'è un decreto nazionale - sostiene Gioia - che vuole mettere ordine nei controlli, mettendo insieme tutta la vigilanza formata da Inps, Inail, Gdf e ispettorato. In maniera tale che si possano coordinare». «In Sicilia il lavoro nero è preoccupante - prosegue - non solo nell'agricoltura, ma anche nel turismo. Negli alberghi, ad esempio, accade di tutto e di più. L'obiettivo dell'Inps non è scovare il lavoro nero, ma trovare chi non versa i contributi». E si rivolge al Governo della Regione: «Deve assumersi la responsabilità della vigilanza».

«Con i nuovi vertici dell'istituto si è deciso di puntare sulla trasparenza - interviene Maria Sciarrino - In questi giorni abbiamo inviato 18mila estratti conto ai dipendenti pubblici. Abbiamo lavorato molto. L'idea è quella che l'Istituto si apra maggiormente ai contribuenti. Qui devono sentirsi a casa. Non è più tollerabile un regime sanzionatorio. Ma quello non è un problema regionale o nazionale che riguarda l'Inps, bensì è il governo che dovrebbe farsi carico del cambiamento. Occorre uno sforzo per un'apertura maggiore da parte di tutti».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews