Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Crocetta smentisce: «Vancheri non si dimette»
Ferrandelli contro Pd: «Da Tso chi parla di rimpasto»

Il governatore stoppa le voci che davano in uscita dalla sua Giunta anche l'assessore alle Attività produttive. Intanto l'effetto domino con le dimissioni di Leotta e Caleca e quelle annunciate di Borsellino agitano gli oppositori del presidente della Regione. Il parlamentare democratico annuncia di voler andare avanti con la mozione di sfiducia lanciata sui social. Il capogruppo dem getta acqua sul fuoco

Rossana Lo Castro

«Ho sentito Linda Vancheri che sta lavorando all'Expo di Milano e non si dimette affatto». Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, stoppa le voci della nuova fuga. La quarta dal suo Governo in una settimana. Affida a Twitter la smentita delle indiscrezioni che per tutto il giorno avevano avvalorato la tesi di un effetto domino sulla sua giunta, travolta dalle dimissioni di Ettore Leotta e di Nino Caleca. Mentre restano in sospeso quelle della titolare dell'assessorato alla Salute, Lucia Borsellino, per la quale il passo indietro dovrebbe essere imminente. Linda Vancheri, vicina a Confindustria resta al suo posto. Parola del governatore.

Un effetto valanga che i "nemici" del governatore cavalcano. Per ribadire che ormai è venuto il momento di porre la parola "fine" a un governo agonizzante. Critiche che al sindaco dei siciliani arrivano non solo dalle fila dell'opposizione, ma soprattutto dal suo stesso partito, il Pd. Fuoco amico. Oggi Baldo Gucciardi ha chiamato a raccolta il gruppo all'Ars. «Una riunione già programmata» ha spiegato ai giornalisti, provando a gettare acqua sul fuoco. Nulla di eccezionale, ha assicurato, perché «io convoco una riunione a settimana». Sul tappeto ci sono i prossimi appuntamenti in Aula. Certo c'è «una situazione di crisi, una fase di dubbio e di incertezza politica, rispetto alla quale il gruppo deve confrontarsi. Il ragionamento è fisiologico, poi bisognerà affidare all'organo politico per eccellenza, la direzione regionale, le scelte». L'assise del partito è convocata per sabato.

Ma il vertice fiume non sembra aver accorciato le distanze. Almeno quelle con Fabrizio Ferrandelli, che ha lanciato la sfiducia a Crocetta con la campagna social #iolastacco la spina e #icoraggiosi. «Non è la posizione del partito» ha tagliato corto il capogruppo dem, precisando subito dopo che «serve responsabilità, da parte di tutti. Bisogna pensare innanzitutto ai problemi dei siciliani». Un appello che sembra cadere nel vuoto. A Facebook Ferrandelli consegna un post al vetriolo. «Il suicidio vero del Pd non è staccare la spina ora ma avventurarsi nell'ennesimo rimpasto. Chi parla di rimpasto e di Crocetta quater è da Tso. Trentacinque assessori in 31 mesi possono bastare. Ribadisco: stacchiamo la spina». Lui, comunque, di passi indietro non ne vuol sapere. «Vado avanti. Presenterò la mozione in direzione e chiederò di votarla». «Alla fine il Pd uscirà unito anche su questo» conclude Gucciardi al termine della riunione fiume del gruppo parlamentare. La prossima puntata dentro il Pd è per sabato. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews