Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Dimissioni Lucia Borsellino, casi e polemiche
Riforma Sanità, clinica Humanitas, morte Nicole

Sopravvissuta a tre rimpasti di governo e all'ira della ministra Lorenzin, dagli uffici dell'assessora regionale arriva oggi la conferma del passo indietro compiuto all'indomani dell'arresto del medico di Crocetta. Una strada irta di ostacoli, quella della figlia del giudice, che attraversa proteste e ricorsi amministrativi persi

Carmen Valisano

È sopravvissuta a tre rimpasti di governo e al fuoco incrociato proveniente anche da Roma. Le prime voci ufficiali di dimissioni sono iniziate all'indomani della morte della piccola Nicolela neonata deceduta in ambulanza perché nessuna struttura catanese aveva a disposizione dei posti nelle strutture d'emergenza neonatali. In quell'occasione la ministra della Salute Beatrice Lorenzin aveva annunciato anche la possibilità di commissariare il settore. Ma le nubi sulla testa dell'assessora regionale alla Sanità Lucia Borsellino - che oggi ha annunciato le dimissioni - si addensano da molto tempo. L'ultimo caso in ordine cronologico è quello dell'arresto con l'accusa di truffa, falso e peculato del medico personale del governatore Rosario Crocetta, Matteo Tutino. E le polemiche seguono la figlia del magistrato soprattutto da quando è stato avviato il progetto di rifunzionalizzazione delle strutture ospedaliere dell'Isola. 

Il piano prevede la rimodulazione dei posti letto in tre anni. Diversi i punti nascita in tutta la Regione che scompariranno entro il 2015: da Lipari, passando per Santo Stefano di Quisquina, Paternò, Cefalù e Licata. Coinvolto anche Bronte, dove un caso simile a quello di Nicole ha visto il trasferimento di un neonato in tre diverse province prima del sopraggiungere di un'infezione risultata fatale. Nel Catanese la chiusura del pronto soccorso di Giarre ha generato la protesta sdegnata di migliaia di residenti dopo il susseguirsi di due morti considerate sospette. La riduzione delle strutture ospedaliere tocca anche altre province. Da Caltanissetta - a Niscemi a gennaio faceva servizio un solo chirurgo nel presidio di emergenza - a MessinaNel territorio peloritano si passerà da 2.352 a 2.190 posti. Gli ospedali riuniti Piemonte-Papardo, due poli diversi e un'unica azienda sanitaria, dovrebbero essere accorpati con l'istituto Neurolesi. Cosa che, secondo i comitati che protestano da mesi, causerebbe un depotenziamento del pronto soccorso. Nel Ragusano si andrà verso la creazione di due ospedali riuniti, quelli di Vittoria-Comiso e Modica-Scicli

Non sono mancati problemi anche con strutture speciali, come l'Ismett di Palermo che a lungo ha corso il rischio di non vedere prorogati i contributi regionali o la vicenda della clinica catanese Humanitas, alla quale i permessi concessi in un primo tempo sono stati revocati e riottenuti dopo una sentenza del Tribunale amministrativo. Oppure la nomina di personaggi particolari in ruoli chiave, come quella di Giovanni Albano - considerato uno dei fedelissimi dell'ex governatore Totò Cuffaro - a capo dell'ospedale Giglio e i continui rinvii per il dirigente dell'Asp di Catania. Qui, dopo due anni di commissariamento, è stata nominata Ida Grossi che ha però lasciato l'incarico dopo appena tre mesi. A succederle, Giuseppe Giammanco. All'ombra del vulcano si è consumata anche la vicenda dei manager degli ospedali Cannizzaro e Policlinico, Angelo Pellicanò e Giuseppe Cantaro, i cui contratti non sono stati firmati in tempo, determinando un ricorso al Tar contro la Regione poi vinto dai due.

Lucia Borsellino non ha mancato di sottolineare come le critiche aspre l'abbiano più volte vista protagonista del dibattito politico. «Non si fa il nostro dovere perché qualcuno ci dica grazie, ma perché è giusto», ha detto in aula durante la relazione sul caso Nicole, citando la giornalista Oriana Fallaci. E ha espresso amarezza per «una politica che non pensa a riformare questo settore ma difende il passato». In quell'occasione, sembrava che l'assessora stesse firmando il suo addio. Che sembra essere arrivato dopo qualche mese.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews