Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Muos, finisce la protesta di Turi Cordaro
Sceso dall'albero dentro base Usa a Niscemi

Il pacifista, che da tre giorni si trovava all'interno della struttura militare dov'è in costruzione l'impianto satellitare, ha chiesto e ottenuto di parlare con il parroco della chiesa del Sacro Cuore. Adesso si trova al commissariato niscemese, «non sappiamo se verrà arrestato», spiegano gli attivisti che lo hanno sostenuto

Carmen Valisano

«Non sappiamo se verrà arrestato, intanto lo stanno portando al commissariato di Niscemi». Turi Cordaro, il pacifista che da tre giorni si trovava su un albero all'interno della base militare Usa, ha deciso di terminare la sua protesta contro la costruzione del Muos. «Ha chiesto di incontrare don Giuseppe Cafà, parroco della chiesa del Sacro Cuore», racconta una degli attivisti, Elvira Cusa. «Hanno parlato e ha deciso di scendere».

Cordaro - che ha condotto la sua protesta senza abiti - era provato dal caldo degli ultimi giorni e dall'impossibilità di bere. Finita l'acqua, come hanno raccontato gli attivisti che si sono raccolti in un presidio a suo sostegno, ha bevuto le sue stesse urine. Una condizione denunciata dai No Muos, che hanno chiesto alle autorità italiane di fare da intermediarie. Il prete ha portato al pacifista acqua e da mangiare, poi Turi Cordaro ha lasciato l'albero sul quale ha vissuto per tre giorni. 

Turi Cordaro è destinatario di un divieto di dimora sul territorio niscemeseDopo un viaggio di 400 chilometri a piedi nudi, ha voluto piazzare dei granelli di sale da lui distillati per protestare contro l'impianto satellitare, sulla cui costruzione pende il sequestro disposto dalla procura di Caltagirone

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×